La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Concerto

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2009
Fuori Concorso

..............................



Il Concerto

(Le concert)

Film del: 2009     Genere: Commedia
Durata: 120 minuti   Uscito al cinema il: 05/02/2010   



Trama:

All'epoca di Breznev, Andrei Filipov è il più grande direttore d'orchestra dell'Unione Sovietica e dirige la celebra Orchestra del Bolshoi. Ma viene licenziato all'apice della gloria quando si rifiuta di separarsi dai suoi musicisti ebrei, tra cui il suo migliore amico Sacha. Trent'anni dopo lavora ancora al Bolshoi, ma... come uomo delle pulizie.



Vota il film!

Voto medio: 7,62

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Concerto

E’ stupenda la prima scena di Le concert diretto da Radu Mihalieanu che fa da sfondo ai titoli di testa: su di un palco c’è una grande orchestra che suona. In controluce vengono ripresi i vari strumeti: archi, fiati, etc. Sempre in penombra due mani si sbracciano a condurre quella grande varietà di strumenti e il pathos, naturalmente, cresce con l’andar della sinfonia. Lo squillo di un telefono, però, interrompe improvvisamente la magia e si scopre che quelle due braccia che animatamente seguivano le note non erano quelle del maestro bensì dell'addetto alle pulizie del teatro, che dalla galleria faceva finta di dirigere.

Con questa scena è lo stesso Mihalieanu a dirigere magistralmente gli elementi del racconto: pathos, ambiguità e sorpresa. Elementi fondamentali per costruire qualsiasi tipo di struttura narrativa che si rispetti.

Ma la sorpresa, naturalmente, non è ridotta in questa singola scena, con l’andar del racconto si scopre che lo sguattero era una volta un grande direttore d’orchestra la cui carriera è stata stroncata dal regime bolscevico proprio a metà di uno spettacolo: concerto per violino ed orchestra di Chajkovskij.

Ad Andrei, questo il nome dello sguattero una volta soprannominato “Il Maestro”, il fatto però non è mai andato giù: interrompere la propria carriera e la propria “vita” in modo così brusco è cosa difficile da digerire. E tramite un fax gli viene offerta una change di riscatto, una possibilità per ricominciare da dove aveva lasciato trenta anni prima.

Il documento spedito da Parigi richiede la famosa orchestra del Bolshoi per una data ed al “Maestro” non resta che fingersi ciò che non è più per rimettere su la banda. Ardua operazione alla “Blues Brothers” visto che in trenta anni la band si è dispersa per tutta Mosca.

La parte sovietica del film di Mihalieanu è la più divertente e la più ritmata grazie al gioco che si crea fra i vecchi uomini di partito distrutti dalla fase Breznev e che ora fanno appunto gli sguatteri o guidano ambulanze e gli altri che, malgrado siano stati più ferrei alla cosiddetta “volontà del popolo” non è che abbiano raggiunto strati sociali molto alti, anzi, anche loro si sono ritrovati a ricominciare da zero.

Una volta arrivati in Francia lo spartito non poteva che voltare pagina con un adagio un po’ più lento, ma va da sé che una grande opera ha bisogno anche di questi momenti per l’apice finale.

E l’apice finale in Le Concert c’è tutto. Il film inizia con un concerto e finisce con un'altra overture molto più lunga e con regole diverse. Regole diverse ma che battono un ritmo sempre uguale per un opera che si rispetti: pathos, ambiguità e sopresa. Gioioso e toccante come un concerto di Chajkovskij.

(Marco Massaccesi)



Cast

    Alexei Guskov
(51 anni circa in questo film)

... Anderi Filipov

    Dmitry Nazarov
(52 anni circa in questo film)

... Sacha Grossman

Mélanie Laurent   Mélanie Laurent
(26 anni circa in questo film)

... Anne-Marie Jacquet

François Berléand   François Berléand
(57 anni circa in questo film)

... Oliver Morne Duplessis

Miou-Miou   Miou-Miou
(59 anni circa in questo film)

... Guyl?ne de La Riv?re

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia / Romania / Italia / Belgio

Regia

 

Radu Mihaileanu

Sceneggiatura

 

Radu Mihaileanu / Matthew Robbins / Alain-Michel Blanc

Fotografia:

 

Laurent Dailland

Colonna Sonora

 

Armand Amar

Produzione:

 

Le Productions du tresor / Oi Oi Oi productions

Distribuzione:

 

Bim

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................