La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Skellig

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2009
Alice

..............................



Skellig

(Skellig)

Film del: 2009     Genere: Drammatico / Fantastico
Durata: 102 minuti   


Un film non riesce a colmare i buchi e i misteri che il libro è in grado di coprire ed ammantare grazie alla giusta atmosfera.


Trama:

Quando l'arrivo nella nuova casa coincide con la malattia della sorellina, improvvisamente il mondo di Michael diviene incerto e solitario.



Vota il film!

Voto medio: 4,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Skellig

Non tutti i libri possono diventare un film. E' una regola che ormai i registi dovrebbero conoscere, eppure molti continuano ad ignorarla. La più singolare nota a margine, inoltre, è che spesso sono proprio gli scritti di successo a deludere sul grande schermo, mentre quelli meno noti finiscono per stupire favorevolmente (un esempio recente è sicuramente The curious case of Benjamin Button).
A questo punto direi che è abbastanza chiaro che la trasposizione filmica dipende da una serie di fattori i quali, a prescindere dalla bravura del regista, hanno poca attinenza con la qualità dell'opera da cui viene tratta la pellicola.

Skellig purtroppo, appartiene alla cerchia di quei film che, per conservare una buona immagine del libro, andrebbero evitati.
Sia chiaro che non si sta parlando di un prodotto da gettar via completamente, ma è certo che i consensi ricevuti dal capolavoro di Almon David, non si ripeteranno con il "clone" creato per il cinema.
Per Annabel Jankel è l'esordio alla regia in solitaria, dopo le collaborazioni - non sempre riuscite - con Rocky Morton; e quantomeno sulla carta può rappresentare un trampolino di lancio, vista la visibilità dovuta alla partecipazione al Festival di Roma, e ad un cast impreziosito dall'esperto Tim Roth.
Tuttavia questo salto rischia di farlo nel vuoto, perchè se l'attore londinese vola alto (in tutti i sensi), non si può dire lo stesso per la Jankel, il cui film non riesce a colmare i buchi e i misteri che il libro è in grado di coprire ed ammantare grazie alla giusta atmosfera e a parole "azzeccate".
Non riesce, in sostanza, a tappare quelle falle narrative che, Kelly in Donnie Darko, o la coppia Bress-Gruber in Butterfly Effect(tanto per citarne due) sono invece riusciti ad aggirare grazie ad un contorno eccellente.
Quando lo spettatore riesce a farsi trasportare oltre la razionalità, è il segno evidente che il film è riuscito.

Skellig non può vantarsi di tali pregi, nonostante la lentezza iniziale venga compensata da un flusso più continuo e, andando verso la fine, sempre meno macchinoso. Questo però non basta a "salvare" un prodotto che confezionato in questo modo stenta a suscitare meraviglia.
Ad avvalorare questa tesi ci pensa un finale abbastanza commovente, e i messaggi lanciati, i quali sono, ad onor del vero, toccanti e persino educativi.
Speriamo che la parabola ascendente del film sia di buon auspicio per i prossimi eventuali lavori della Jankel.

(Tiziano Costantini)



Cast

Bill Milner   Bill Milner

... Michael

    John Simm
(39 anni circa in questo film)

... Dave

Kelly Macdonald   Kelly Macdonald
(33 anni circa in questo film)

... Louise

Tim Roth   Tim Roth
(48 anni circa in questo film)

... Skellig

Dati Tecnici

Regia

 

Annabel Jankel

Sceneggiatura

 

Irena Brignull

Fotografia:

 

Steve Lawes

Produzione:

 

Feel Films

Distribuzione:

 

non distribuito

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................