La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Mille Neuf Cent Quatre-Vingt-Un

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2009
Alice

..............................



Mille Neuf Cent Quatre-Vingt-Un

(Mille Neuf Cent Quatre-Vingt-Un)

Film del: 2009     Genere: Drammatico
Durata: 132 minuti   



Trama:

Nel 1981, la famiglia Trogi cambia casa. A undici anni, Ricardo non comprende il significato della parola "mutuo" ma ne avverte tutto l'impatto. E' l'ultimo arrivato in una classe i cui compagni provengono da ambienti facoltosi e sente che è in gioco il suo onore.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Mille Neuf Cent Quatre-Vingt-Un

Non rientra certo nell’ordinario assistere ad una pellicola in cui regista racconta se stesso, dato che le biografie di solito vengono narrate da terzi.
Risulta pertanto originale la scelta di Ricardo Trogi, che sceglie di parlarci della sua infanzia, dei suoi undici anni vissuti agli inizi degli anni ’80, della sua famiglia, e di tutti quei piccoli problemi che i bambini di quell’età cominciano ad avere.

Si potrebbe ritenere, senza esser tacciati per superficiali, che una scelta così insolita risulti audace ed azzardata, nonchè dagli esiti temibili.
La spregiudicatezza di Trogi appare invece vincente, in quanto il modo in cui affronta la sua storia assume dei caratteri pressoché universali, senza pendere eccessivamente verso il nucleo della sfera privata, evitando il pericolo dello sbadiglio.

“L’essenziale è invisibile agli occhi”. La citazione tratta da “Il piccolo Principe” è l’icona di un messaggio esposto in maniera ricorrente per quasi tutto il film, mostrando in tal modo i due estremi dell’etica, per mezzo dei quali ogni bambino può passare dall’egoismo sfrenato e dal mero interesse per se stesso ad un senso di colpa che il loro essere fondamentalmente buoni ed ingenui gli fa avvertire, non appena si rendono conto che il mondo non ruota del tutto intorno a loro, ma esistono interessi molto più grandi.
Un loro capriccio per un giocattolo è molto spesso più insistente di quanto possa essere il desiderio di un adulto per un bene materiale, ma al tempo stesso i bambini sono i primi a comprendere che la vera felicità non dipende da futili beni materiali, o quantomeno che per loro non sono in fondo così importanti.

Mille Neuf Cent Quatre-Vingt-Un (1981) è quindi un film in cui il regista non ci racconta soltanto gli anni della sua infanzia (in un’atmosfera per altro ben resa), ma in linea più generale quella di tutti i ragazzini che, più o meno fortunati, si trovano a contatto con tutto ciò che per loro è “nuovo”.
In conclusione la narrazione decisamente scorrevole fa di questa pellicola un’opera che si guadagna a pieno titolo la sufficienza, se non altro per l’inconsueta ma pregevole metodologia con cui il cineasta ha saputo rendere adeguatamente interessanti dei temi non certo originali.

(Tiziano Costantini)



Cast

    Claudio Colangelo

... Benito

    Gabriel Maillé

... J?r?me

    Jean-Carl Boucher

... Ricardo

    Sandrine Bisson

... Claudette

Dati Tecnici

Regia

 

Ricardo Trogi

Sceneggiatura

 

Ricardo Trogi

Produzione:

 

Go Film

Distribuzione:

 

non distribuito

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................