La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Fratelli d'Italia

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2009
Extra

..............................



Fratelli d'Italia

(Fratelli d'Italia)

Film del: 2009     Genere: Documentario
Durata: 90 minuti   Uscito al cinema il: 07/05/2010   



Trama:

Tre adolescenti stranieri, o meglio, italiani di seconda generazione, porgono alla videocamera, senza cautele, aspirazioni, affetti, humour e rabbia. L'attesa, il risentimento, il sogno e anche l'ironia o l'isolamento come difesa: un laboratorio multiculturale a cielo aperto dove la cadenza rumena, i riti islamici e un fidanzato in Ucraina scandiscono un vissuto a cavallo tra mondi remoti e incombenti il cui unico spazio di sintesi è la vita e il corpo di un teenager.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Fratelli d'Italia

Il documentario sembra diventato il mezzo più espressivo per raccontare un certo tipo di realtà, quella dei giovani. Realtà spesso affrontata dai giornali o dalle cosiddette ‘Trasmissioni di approfondimento’, ma che, forse, non approfondiscono proprio del tutto certi temi. Per cercare di capire di più sull’argomento è meglio starsene un’oretta e mezza tranquilli tranquilli in una saletta cinematografica e lasciare che questi ragazzi ‘speciali’ ci parlino con la loro stessa voce.

Fratelli D’Italia, diretto da Claudio Giovannesi, vuole proprio avere questo intento: parlare di integrazione ai nostri giorni, cosa significa per “noi”, gli italiani, e per “loro, gli immigrati. Vengono fatte emergere così tre storie ambientate a Ostia, nell’Istituto Tecnico Commerciale “Paolo Toscanelli”, quella di Alin, ragazzo romeno in eterno conflitto con i compagni di classe e l’insegnante d’italiano, la vicenda di Masha, giovane bielorussa con la voglia di tornare nel suo paese per incontrare di nuovo il fratello, e quella di Nader, fidanzato con un italiana malgrado il volere dei genitori.

Senza interviste ai diretti interessati (solo nella storia di Masha sentiamo la sua voce fuori campo raccontare i trascorsi nel suo paese natio) e girato come se fosse un film vero e proprio, con tanto di campi e controcampi, Fratelli D’Italia monitora la vita di queste tre esistenze alle porte di Roma, anche se quello che manca è proprio il tema dell’integrazione.

Guardando la vita di Alin, il ragazzo romeno, si scopre che i suoi compagni di classe lo vogliono coinvolgere nelle loro vite, ma è lui ad essere reticente, Masha è addirittura stata adottata da una famiglia italiana che tenta di metterla in guardia nel tornare in Bielorussia e la ribellione di Nader non è contro la società in generale, ma proprio contro la sua famiglia che lo vorrebbe un estremo devoto della religione mussulmana.
Tutto questo fa di Fratelli D’Italia non un documentario sull’impossibilità di integrarsi, ma sulla ribellione giovanile in genere. Ribellione tipica di alcuni adolescenti con il seme dell’indipendenza e del libero pensiero, immigrati e non.

Benché Fratelli D’Italia si lasci vedere comunque vedere al di la dei suoi intenti documentaristici, viene comunque da chiedersi perché non affrontare il tema dell’integrazione con esempi più estremi tipici del momento in cui viviamo. Eppure ce ne sono, e neanche tanto nascosti.

(Marco Massaccesi)



Cast

    Alin Delbaci

... Alin

    Masha Carbonetti

... Masha

Nader Sarhan   Nader Sarhan

... Nader

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Claudio Giovannesi

Fotografia:

 

Ferran Paredes / Andrea Spalletti Panzieri

Colonna Sonora

 

Claudio Giovannesi

Produzione:

 

Il Labirinto

Distribuzione:

 

Istituto Luce

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................