La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Survival of the Dead

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2009
Concorso Venezia 66

..............................



Survival of the Dead

(Survival of the Dead)

Film del: 2009     Genere: Horror
Durata: 90 minuti   



Trama:

Su di una piccola isola fuori dalle coste del Nord America i morti viventi minacciano i vivi, ma questi ultimi non riescono a trovare la forza di eliminare per sempre i loro cari nonostante il crescente pericolo.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Survival of the Dead

Iniziato con La notte dei morti viventi, e proseguito con L’alba, Il giorno, La terra e Il diario - il viaggio di George A. Romero nel mondo degli zombi giunge alla sua sesta tappa con Survival of the dead, presentato in concorso alla 66° Mostra del Cinema di Venezia.
Su un’isola al largo delle coste del Delaware, intorno alla quale sembra essersi consumata l’apocalisse dell’uomo civilizzato, due famiglie - due clan quasi tribali - dovrebbero fare fronte comune contro gli zombi che minacciano la sopravvivenza della loro comunità. Dovrebbero, perché in realtà lo scontro fra gli O’Flynn e i Muldoon, scontro antico di cui le ragioni si sono perdute nel tempo, non riesce a sedarsi neanche di fronte alla minaccia che incombe: al sangue freddo con cui gli O’Flynn combattono la battaglia con i morti viventi, si oppongono le esitazioni dei Muldoon, che non accettano più di uccidere i loro cari, morti e divenuti zombi, scegliendo di tenerli incatenati nell’attesa di trovare loro un modo per sopravvivere che non sia quello di cibarsi della carne dei vivi. Dalla metafora del consumismo dell’Alba alla satira antimilitarista del Giorno, ogni film della serie è stato - com’è noto e come Romero stesso ha ammesso - metafora storico-sociale di una decade: Survival of the dead è il film che il regista avrebbe voluto scrivere già negli anni Novanta, quando il problema della società gli sembrava già quello dell’indifferenza verso gli zombi, verso questa massa indistinta di derelitti che non servono nessuno e non servono a nessuno, questa massa lenta e semovente spogliata di ogni cosa, con cui la società dei “vivi” ha imparato a coabitare. Con il passare dei film e degli anni, gli esseri umani si sono sempre più disumanizzati, e i morti viventi hanno rivelato sempre più la loro natura di vittime: “Ho sempre avuto grande simpatia per gli zombi, per la loro innocenza”, ha detto Romero in conferenza stampa. Le differenze si sono dunque via via assottigliate, perché qui i vivi sono guidati da un’ossessiva coazione a ripetere non meno degli zombi: procrastinano i loro odi e le loro guerre benché non ne ricordino le radici, si barricano nella certezza univoca delle loro posizioni rifiutando ogni mozione contraria, cercano di preservare un ordine costituito che abbia l’apparenza della normalità anche a prezzo di azioni mostruose.
Romero si diverte e mette in campo la solita ironia, gioca con lo spettatore e con i topoi del suo cinema, contenendo lo splatter pur senza rinunciare a smembramenti grotteschi e fantasiosi. Con straordinaria coerenza, non cerca di adeguare le scelte stilistiche alla velocità del linguaggio visivo contemporaneo: correndo il rischio di annoiare in alcune sequenze, Romero immette subito lo spettatore al centro degli eventi e poi si muove lentamente, mantenendo intatta la purezza del suo sguardo e del suo cinema, fatto di pochi mezzi e pochissimi effetti speciali.
Survival of the dead è un film in qualche modo primordiale, che non a caso cita il western come genere fondativo della nazione e del cinema americano. I personaggi hanno la statura monolitica degli eroi della frontiera, si combattono riesumando le vecchie pistole in scenari desolati e lunari. I sopravvissuti daranno forse vita ad una nuova civiltà - il finale suggerisce ed apre nuovi e inquietanti scenari - ma è nella violenza e nella sopraffazione che questa cultura avrà il suo gesto costitutivo.

(Emanuela Sarnà)



Cast

Alan Van Sprang   Alan Van Sprang
(38 anni circa in questo film)

... 'Nicotine' Crocket

Athena Karkanis   Athena Karkanis

... Tomboy

Julian Richings   Julian Richings
(54 anni circa in questo film)

... James O'Flynn

Kathleen Munroe   Kathleen Munroe

... Janet

Kenneth Welsh   Kenneth Welsh

Dati Tecnici

Nazione

 

USA / Canada

Regia

 

George A. Romero

Sceneggiatura

 

George A. Romero

Fotografia:

 

Adam Swica

Produzione:

 

Devonshire Productions

Distribuzione:

 

non distribuito

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................