La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Donne Senza Uomini

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2009
Concorso Venezia 66

..............................



Donne Senza Uomini

(Zanan Bedoone Mardan)

Film del: 2009     Genere: Drammatico
Durata: 95 minuti   Uscito al cinema il: 12/03/2010   


Il film, come è facile intuire, non è certo leggero ma nella sua poesia c'è il sentore di una leggerezza “a venire” che prima o poi arriverà


Trama:

Iran, 1953. Sullo sfondo tumultuoso del colpo di stato appoggiato dalla CIA, i destini di quattro donne confluiscono in uno splendido giardino di campagna dove trovano indipendenza, conforto e amicizia.



Vota il film!

Voto medio: 7,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Donne Senza Uomini

In tempi difficili come quelli in cui stiamo vivendo è veramente entusiasmante sapere che il Cinema, come forma d'arte e comunicazione, può dare voce a delle realtà che altrimenti rimarrebbero isolate per colpa di una politica sempre più brutta e arrogante.
Ovviamente (ma neanche tanto ovviamente) non stiamo parlando della situazione del nostro Paese, stiamo parlando di un paese che in maniera sempre più drammatica non vuole che ci siano voci “contro” e con la violenza cerca di azzittire tutto ciò che “ufficialmente” non deve essere detto.

Negli ultimi tempi, l'Iran è salito agli onori della cronaca per le folli esternazioni di Ahmadinejad e per la rivolta del Movimento Verde che ha in Neda Soltani il suo drammatico simbolo. Abbiamo ancora tutti negli occhi quel video in cui viene spezzata la vita di questa ragazza e Donne Senza Uomini è una sorta di omaggio inconsapevole (la genesi del film risale al 2002) ai suoi sogni e ai sogni di tutto un universo femminile spesso maltrattato se non del tutto annientato.

Shirin Neshat, la regista, ci racconta la storia di quattro donne diverse ma vicine. Un giardino quasi incantato è il luogo in cui le vite delle protagoniste si incontrano anche solo per un attimo e dove la loro vita sembra ripartire o chiudersi per sempre. Ambientato nel 1953 ma, nello stesso momento, pulsante di un tempo e uno spazio solo suoi, Donne Senza Uomini è un film di condanna, un film politico, ma il suo fascino più grande non è in quell'andare “contro” che pure c'è; il suo fascino più grande è nella poesia che vive delle immagini straordinarie con cui Shirin Neshat, fino ad ora fotografa e video artist, riempie il racconto.

Molti fotogrammi sembrano quadri dolorosi da cui esce l'essenza dell'altra metà del cielo di un popolo pieno di contraddizioni. Il film, come è facile intuire, non è certo un film leggero ma nella sua poesia c'è il sentore di una leggerezza “a venire” che prima o poi, per forza, dovrà liberare per sempre quell'universo rosa troppo nascosto sotto chador metaforici e non. Purtroppo, oggi, in tempi di revanchismo tragico e dittature mascherate da repubbliche è difficile immaginare quel panorama, ma finché film come Donne Senza Uomini potranno essere visibili in zone del mondo lontane dal proprio paese d'origine (dove invece arrestano i registi), allora vorrà dire che quel suono flebile di una voce inascoltata potrà veramente diventare un urlo. Prima o poi.

(Renato Massaccesi)



Cast

    Pegah Ferydoni

... Faezeh

    Arita Shahrzad

... Farrokhlagha

    Shabnam Tolouei

... Munis

    Orsi Tòth

... Zarin

Dati Tecnici

Nazione

 

Germania / Iran

Regia

 

Shirin Neshat

Sceneggiatura

 

Shirin Neshat / Shoja Azari

Fotografia:

 

Martin Gschlacht

Colonna Sonora

 

Ryuichi Sakamoto

Produzione:

 

Essential Filmproduktion / Coop99 / Parisienne de Production

Distribuzione:

 

Bim

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................