La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Caso dell'Infedele Klara

..............................
ARTICOLI CORRELATI




24/03/2009
La gelosia secondo Roberto Faenza

..............................

Il Caso dell'Infedele Klara

(Il caso dell'infedele Klara)

Film del: 2009     Genere: Drammatico
Durata: 100 minuti   Uscito al cinema il: 27/03/2009   



Trama:

Luca, un musicista italiano che vive a Praga, è fortemente geloso della sua fidanzata Klara, al punto di incaricare un detective per sorvegliare ogni spostamento della ragazza.



Vota il film!

Voto medio: 4,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Caso dell'Infedele Klara

Poca chiarezza e una visione della realtà alquanto distorta: è quel che sembra emergere dal nuovo film di Roberto Faenza, tratto dall'omonimo romanzo di Michal Viewegh.
Se è vero che, nel ventunesimo secolo, nessuno si scandalizza più nell'assistere a scene di nudo integrale o frequenti scambi di coppia, è altrettanto vero che sfruttarle come unico motivo di interesse in un film piuttosto piatto, non è proprio di buon gusto.
Cercando di essere meno pungenti, si può altresì affermare che il fulcro intorno al quale ruota la narrazione dovrebbe essere la gelosia. Ma il condizionale è d'uopo, perchè non è così chiara la maniera in cui il regista vuole che tale passione esca fuori, e pertanto fa sì che questa si giochi il posto in una sfida al sorpasso con l'amore.
Si potrebbe certamente notare che la gelosia, del resto, altro non è che una sfaccettatura dello stesso amore (almeno così sostengono in molti), ma per far snodare il film su questo morboso sentimento, sarebbero dovute restar fuori le sensazioni diametralmente opposte, quantomeno non nella forma così calzante, e prematura, scelta da Faenza.

Il paradosso (ma teniamo presente che è estrapolato da un romanzo), è che sulla gogna ci finiscono i traditi e non i traditori, i quali si macchiano di colpe evidentemente così grandi che i loro partner sembrano quasi costretti a cercare altrove la felicità. Ma quali sono queste colpe? E dove arriva il confine con la decenza?
Fiscalizzare questo messaggio sembrerebbe quasi giustificare chi, come la moglie del detective, si comporta come vuole e con chi vuole, parlandone persino al marito; ma al lato opposto dà anche l'assoluzione a chi, come Klara, vive continuamente sotto pressione, con un compagno ossessionato, che monitorizza ogni suo movimento.
E' proprio per questo che il regista sceglie di modificare leggermente le carte in tavola, strappare qualche pagina dal romanzo, e aggiungerne qualcuna delle sue, dando al personaggio di Klara un'immagine che in fondo sembra quasi dispensar purezza.

Tra temi fondanti, o presunti tali, che annaspano in una lotta interna per il primato, e spinose difficoltà nello stabilire quale sia il messaggio conclusivo, brilla di luce propria la stella di Santamaria, uno dei migliori attori della "nuova" generazione; e trova il riscatto anche Laura Chiatti, che dopo la disadorna Desdemona proposta da De Biasi in Iago, riesce ad esprimersi al meglio, in un personaggio senza dubbio più interessante.

(Tiziano Costantini)



Cast

Laura Chiatti   Laura Chiatti
(27 anni circa in questo film)

... Klara

Claudio Santamaria   Claudio Santamaria
(35 anni circa in questo film)

... Luca

Iain Glen   Iain Glen
(48 anni circa in questo film)

... Denis

    Anna Geislerová
(33 anni circa in questo film)

... Professor Smidt

    Kierston Wareing

... Nina

    Adriano Wajskol

... Detective

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia / Repubblica Ceca

Regia

 

Roberto Faenza

Sceneggiatura

 

Roberto Faenza

Fotografia:

 

Maurizio Calvesi

Colonna Sonora

 

Giovanni Venosta

Produzione:

 

In Film Praha

Distribuzione:

 

Medusa

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................