La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Palermo Shooting

..............................
ARTICOLI CORRELATI




04/07/2009
Videod(r)ome – Le origini di Van Sant ed il nuovo cinema tedesco in DVD

..............................

Palermo Shooting

(Palermo Shooting )

Film del: 2008     Genere: Drammatico
Uscito al cinema il: 28/11/2008   


Tra realtà e visione l’ennesimo grande film di Wim Wenders


Trama:

Finn è un uomo nel pieno del successo. E’ un fotografo acclamato nel mondo, ha una vita ricca, frenetica, golosa, eccessiva. Tutto quel che si può desiderare, donne, denaro, libertà, è il terreno su cui scorrono le sue giornate senza respiro. Eppure Finn ha paura.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Palermo Shooting

Palermo Shooting, con il suo titolo, potrebbe trarre in inganno, perché unire il nome del capoluogo siciliano al verbo “shooting” che in inglese vuol dire filmare ma anche sparare, può dare l’idea sbagliata di un ennesimo film sulla mafia. Invece nel nuovo film di Wim Wenders il “lavoro” delle cosche così come il cappio della cupola vengono citate, al massimo, due volte (dove citate sta proprio per accenno minimo).

Realizzare un film a Palermo senza picciotti o cose del genere non è cosa da poco, perché sembra che per parlare della Sicilia bisogna per forza mettere in campo quell’atrocità che è la Mafia. Ben vengano i documentari o i film che ci documentano il dolore di vivere in una terra strangolata da criminali ma ben vengano anche i film dove Palermo è “descritta” soltanto per quello che, anche, è: una città straordinaria e misteriosa.

Wenders, poi, con il suo straordinario tocco d’autore fa assumere a Palermo anche un ruolo di segno filmico. Una recensione non può analizzare in maniera tecnica, per pochi intimi, la relazione tra segno deleuziano e realtà ma è inevitabile che analizzando Wenders bisogna per forza citare quel dualismo che ha sempre fatto parte della sua poetica.

Tutto questo per dire che Palermo Shooting è un film spesso cerebrale, spesso pesante (forse quasi due ore sono un po’ troppe), ma sempre bello. Bello per l’analisi di un viaggio interiore che forse neanche si chiarisce e bello per essere anche un film sul Cinema. Qui c’è il Bergman del Settimo Sigillo c’è il Besson di Giovanna d’Arco, c’è un sentore surrealista che in alcuni casi ricorda il Cinema di Cocteau e c’è tanto video d’autore dove per video si intenda quella forma strettamente legata alla musica.

Ed è proprio la musica che divide il film in due: una parte dove il viaggio interiore ed esteriore è sottolineato da una straordinaria colonna sonora ed una seconda parte dove l’arrivo–non arrivo del personaggio principale è avvolto prevalentemente da suoni naturali. In mezzo a tutto questo c’è un cameo “ectoplasmatico” di un mitico Lou Reed, un ricordo di De Andrè neanche troppo nascosto tra ascolti e copertine di album, nuova grande passione del regista stesso, un Dennis Hopper che straordinario gigioneggia in un ruolo “estremo” e, infine, una città che sta lì bella e quasi gotica, ammantata di un alone a tratti cupo che sembra diradarsi con il ritorno alla vita dello stesso protagonista. Una città che segue un percorso vitale, sempre restando immutabile, che rassomiglia a quello umano. E dove, alla fine, trionfa un sentore d’arte che è sia del luogo fisico che del film come opera compiuta. Perché, malgrado la pesantezza di alcuni tratti, malgrado la difficoltà di una soluzione narrativa certa, non si può negare al nuovo film di Wim Wenders lo stato di opera d’arte. Come al solito.

(Renato Massaccesi)



Descrizione DVD:

Il DVD, prodotto dalla BIM, si presenta con ottimi menu animati ed il corretto formato cinematografico 1.85:1, ottimizzato per il 16/9. Nitidissime le immagini ed ottima la qualità del master video. Per il video abbiamo due opzioni, italiano Dolby Digital 5.1 ed inglese 2.0. Sottotitoli italiani opzionabili per entrambe le versioni.
Il trailer italiano è l’unico extra presente, si sente la mancanza di qualche approfondimento sul film, che lo avrebbe senz’altro meritato. Detto ciò, un buon dvd per chi ha amato il film di Wenders.
(Italo Rizzo)



Cast

    Campino
(46 anni circa in questo film)

... Finn

Giovanna Mezzogiorno   Giovanna Mezzogiorno
(34 anni circa in questo film)

... Flavia

Dennis Hopper   Dennis Hopper
(72 anni circa in questo film)

... Frank

    Inga Busch

... Carla

Lou Reed   Lou Reed
(66 anni circa in questo film)

... Lou Reed

Dati Tecnici

Nazione

 

Germania / Italia

Regia

 

Wim Wenders

Sceneggiatura

 

Norman Ohler

Fotografia:

 

Franz Lustig

Colonna Sonora

 

Irmin Schmidt

Produzione:

 

ZDF / Neue Road Movies

Distribuzione:

 

Bim





..............................

scrivi la tua opinione

..............................