La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Sangue dei Vinti

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2008
Selezione Ufficiale Anteprima- Pr?miere

..............................



Il Sangue dei Vinti

(Il sangue dei vinti)

Film del: 2008     Genere: Drammatico / Storico
Durata: 108 minuti   Uscito al cinema il: 08/05/2009   



Trama:

La famiglia Dogliano come specchio attraverso cui anallizzar la caduta del fascismo in Italia. Tre fratelli; Ettore (il partigiano), Lucia (la repubblichina) e Franco (commissario di polizia).



Vota il film!

Voto medio: 4,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Sangue dei Vinti

Ormai è pressoché accertato che noi italiani cinematograficamente abbiamo ereditato una sorta di tara genetica non si sa bene da chi. Forse la colpa fu della “Freccia Nera” o di qualche altro sceneggiato; fatto sta che la maggior parte delle nostre opere, di solito quelle più ricercate o meglio ancora storiche, sono affette dalla sindrome della fiction.
L’ultimo film di Soavi ne è la dimostrazione più eclatante.

Il cineasta milanese, noto ai più per le sue opere horror, ha decisamente passato troppo tempo negli studi di qualche produzione televisiva perché se avessero tagliato questo film in due parti per proporlo in due puntate in prima serata, nessuno avrebbe storto il naso. Ritmi dilati fino all’inverosimile, un proliferare di primi piani silenziosi con accompagnamento musicale di contorno, sono la cosa che più salta all’occhio (e magari qui un altro direttore della fotografia avrebbe giovato), ma ci sono numerosi passaggi narrativi forzati –con spostamenti all’insegna del teletrasporto- ed un montaggio saltellante per il quale ancora ci poniamo dubbi sulla necessità.
Questo per quanto concerne l’impianto tecnico e scenico dell’opra. Sotto il profilo della trama non siamo da meno.

Tutto è funzionale a raccontare quella che viene vissuta come una sorta di guerra civile italiana, ovvero gli ultimi fuochi del fascismo e la Repubblica di Salò che ha visto schierarsi contro non più soldati di due diverse fazioni, ma amici e compagni. Questa tragedia viene però estremizzata e condita di un sottotesto poliziesco (peraltro con venature hitchcockiane) che invece di conferire un maggior spessore al prodotto lo fanno virare nella bonaccia della mediocrità, tanto più che la risoluzione di alcuni dei punti nodali viene facilmente anticipata dallo spettatore.

Peccato perché l’ottimo cast, in cu rivediamo piacevolmente Philippe Leroy e Giovanna Ralli, poteva essere sfruttato decisamente meglio. Speriamo quindi di non cogliere il consiglio di Sovai così che ogni volta che vedremo spuntare in un prato un “Non ti scordar di me” non ci venga in mente questo film.

(Valerio Salvi)



Cast

Michele Placido   Michele Placido
(62 anni circa in questo film)

... Franco Dogliani

Alessandro Preziosi   Alessandro Preziosi
(35 anni circa in questo film)

... Anna Spada / Costantina 'Tina' Spada

    Alina Nadelea

... Lucia Dogliani

Barbora Bobulova   Barbora Bobulova
(34 anni circa in questo film)

... Ettore Dogliani

Philippe Leroy   Philippe Leroy
(78 anni circa in questo film)

... il padre

Giovanna Ralli   Giovanna Ralli
(73 anni circa in questo film)

... la madre

Valerio Binasco   Valerio Binasco

... Nello Foresti

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Michele Soavi

Sceneggiatura

 

Giampaolo Pansa / Massimo Sebastiani / Dardano Sacchetti

Fotografia:

 

Giovanni Mammolotti

Produzione:

 

Media One Entertainment

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................