La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

L'Ora d'Amore

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2008
L'Altro Cinema - Extra

..............................



L'Ora d'Amore

(L'ora d'amore)

Film del: 2008     Genere: Documentario
Durata: 52 minuti   



Trama:

Seguendo e intervistando individui che frequentano regolarmente la prigione dove vive un congiunto, il film racconta la routine della reclusione, dentro e fuori, e la difficoltà di mantenere e proteggere le relazioni per chi si trova dietro le sbarre. Pur descrivendo il contesto sociale in cui i protagonisti vivono, è girato per la maggior parte all'interno del carcere, un luogo in cui ogni passo ha una barriera e ogni contatto umano è mediato dal controllo.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: L'Ora d'Amore

Sono tre le storie che compongono L’ora d’amore, una personale riflessione sulle difficoltà sentimentali di chi vive privo della libertà, in quella cosiddetta “istituzione totale” che è il carcere.

I due registi decidono di raccontare tre situazioni diverse: c’è chi vive nell’attesa della visita settimanale per rivedere il partner detenuto (Mauro e Deborah), una coppia divisa dalle sbarre e che col trasferimento perde la possibilità di incontrarsi (Fatima), infine chi ha una relazione nata all’interno del carcere, destinata a finire una volta usciti (il trans Angelo).

In comune c’è la sospensione del tempo, che la videocamera (il film è girato in HDV) cerca di filtrare attraverso gli spazi vuoti del carcere di Rebibbia, riempiti di senso dalle voci e dai volti degli intervistati.
In questi casi il rischio più grande è cadere nella retorica della commozione, ma Appetito e Carmosino evitano di insistere sui momenti più toccanti, lasciando intatta la dimensione affettiva di tutte le persone coinvolte, con pudore e rispetto.
Quello che interessa è avvicinarsi a chi è privato non solo della libertà personale, ma anche della possibilità di esprimere il proprio amore e reagisce con amara ironia (Mauro), lucida consapevolezza (Angelo) oppure restituendo dignità al proprio dolore (Fatima).

Ci sarebbero molte considerazioni da fare sulla situazione delle carceri nel nostro Paese, tuttavia L’ora d’amore non vuole essere un documentario di denuncia, quanto piuttosto di presa di coscienza, provando a dire attraverso il cinema ciò che le parole non possono (più) esprimere.

(Italo Rizzo)



Cast

    Deborah Caivano

... Deborah

    Gaia Cerci

... Gaia

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Andrea Appetito / Christian Carmosino

Sceneggiatura

 

Andrea Appetito / Christian Carmosino

Fotografia:

 

Piero Basso / Ferran Paredes

Produzione:

 

Università degli Studi Roma Tre – Dipartimento Comunicazione e Spettacolo

Distribuzione:

 

non distribuito

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................