La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Silenzio Prima della Musica

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2008
L'Altro Cinema - Extra

..............................



Il Silenzio Prima della Musica

(Life, Support, Music)

Film del: 2008     Genere: Documentario
Durata: 79 minuti   Uscito al cinema il: 25/09/2009   



Trama:

Nel 2004 il noto chitarrista Jason Crigler viene colpito da un'emorragia cerebrale durante un concerto. La diagnosi medica è molto severa: se sopravvive, sarà un vegetale. Sua moglie incinta e i suoi congiunti si raccolgono attorno a lui, rifiutando di accettare la prognosi: promettendo a loro stessi e a Jason un recupero completo. Il film, utilizzando anche riprese realizzate durante la terapia in ospedale, racconta la sorprendente rinascita del musicista ma anche l'eroica impresa di una intera famiglia.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Silenzio Prima della Musica

Da un documentario su un chitarrista, Jason Crigler, che nell’ambito della nuova scena newyorkese è considerato una colonna avendo collaborato con Norah Jones, Marshall Crenshaw e tanti altri, ci si aspetta un qualcosa che celebri la sua musica, che racconti la sua carriera con varie testimonianze di gente più o meno famosa.
Invece Life. Support. Music. è un dramma in immagini dove le testimonianze più pregnanti sono quelle dei familiari.

Il film di Eric Daniel Metzgar racconta la discesa all’inferno e la risalita di un ragazzo che da un momento all’altro si trova a “vivere” in stato semi vegetativo per un’emorragia cerebrale che lo colpisce durante un concerto. Le immagini durissime della riabilitazione, che sembrava lasciassero poche speranze, sono come un colpo allo stomaco per chi si aspettava un’oretta e mezzo di buona musica battendo il piede a tempo.

Questo è il racconto della forza di volontà di un uomo che, malgrado tutto, vuole tornare a vivere in maniera perlomeno normale. Ma è anche il racconto della forza incredibile che ha avuto tutta la gente che lo amava e che lo ama ancora. La moglie, da poco incinta, quando la tragedia ha inizio, sembra un eroina d’altri tempi. E anche tutti gli altri familiari non sono da meno.

Life. Support. Music. tratta quasi in maniera scientificamente analitica il ritorno alla vita di Jason, ma per quanto la forma dossier sia prevalente, grande spazio è lasciato alle sensazioni e ai sentimenti degli “interpreti”.
Con un taglio tipicamente statunitense, il documentario, lascia uscire fuori la visione di una famiglia legata più che mai, nel momento del dolore. E a parte qualche tirata inopportuna sul fatto che Jason sia stato fortunato a essere americano per l’efficienza degli impianti sanitari del suo paese (non sono un esperto ma non può essere possibile che solo negli Stati Uniti accadano cose del genere), tutto il resto è reso in maniera emozionalmente intensa.

Ovviamente, un altro ruolo importante è concesso alla musica che tante volte sembra salvare la vita. In un concerto tributo, alla maniera di quelli che erano stati fatti anni prima per Victoria Williams e il grandissimo Vic Chesnutt, viene espressa la volontà di far sentire a Jason il senso di una famiglia allargata per superare insieme quell’incubo. E allora tra ricordi intimi e familiari, ricordi d’amicizia ed emozioni si ha, alla fine, il ritratto di un ragazzo che ce l’ha fatta per merito suo ma anche per merito degli altri. Musica compresa.

(Renato Massaccesi)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Eric Daniel Metzgar

Sceneggiatura

 

Eric Daniel Metzgar

Fotografia:

 

Eric Daniel Metzgar

Colonna Sonora

 

Eric Liebman

Produzione:

 

Merigold Moving Pictures

Distribuzione:

 

indipendente

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................