La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Predappio in Luce

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2008
L'Altro Cinema - Extra

..............................



Predappio in Luce

(Predappio in Luce)

Film del: 2008     Genere: Documentario
Durata: 60 minuti   



Trama:

Qual è il ruolo di Predappio nell'immaginario dell'Italia di oggi? Perché la città del Duce è ancora oggetto di visite nostalgiche e di rituali altrove impensabili? Il film cerca di esplorare quella che fu la prima città di nuova fondazione fascista, voluta da Mussolini sin dal 1925. Oggi Predappio è un campionario di stili architettonici del ventennio, un "tranquillo" paesino del forlivese meta di un cupo turismo della memoria, legato alla casa natale e alla tomba del Duce.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Predappio in Luce

Mai come adesso un film su Predappio può conoscere la sua giusta collocazione. Questa affermazione non è riferita solo all'Italia che sta cercando di revisionare i vecchi fasti, ma anche al resto dell'Europa che si sta lentamente rimpantanando in un tipo di comportamento molto simile a quello che gravitava intorno alla seconda guerra mondiale.
Marco Bertozzi prende come spunto per il suo documentario il luogo dove tutto iniziò, la nascita del Duce, e tutto finì, dove risiede la sua tomba, come una sorta di "cul de sac", un circolo vizioso che ha condizionato e continua a condizionare le sorti dell'Italia.
Bertozzi con Predappio in Luce cerca di uscire fuori dai soliti canoni del documentario cercando di raccontare principalmente per immagini.

Attraverso gli immancabili cinegiornali dell'epoca rallentati e sgranati all'inverosimile il regista racconta così la storia di questa cittadina che avuto il suo massimo fulgore durante la nascita del fascismo.
Intercalato da lunghe carrellate silenziose sulla Predappio odierna e da poche interviste a due storici come Pierre Sorlin e David Forgacs, paradossalmente non italiani, il documentario va a concludersi su uno dei tanti pellegrinaggi che i nostalgici del regime compiono ancora sulla tomba di Mussolini.
Strano perchè, come dice Pierre Sorlin in un passo del racconto, “al cimitero non ci vai per vedere il morto, ma per vedere quello che la gente mette sulla sua tomba”. Necessario.

(Marco Massaccesi)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Marco Bertozzi

Sceneggiatura

 

Marco Bertozzi

Fotografia:

 

Marco Bertozzi / Marco Colonna / Enrico Guidi

Colonna Sonora

 

Giorgio Fabbri Casadei

Produzione:

 

Almafilm, Istituto Luce

Distribuzione:

 

Istituto Luce

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................