La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Schattenwelt

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2008
Selezione Ufficiale - Cinema 2008

..............................



Schattenwelt

(Schattenwelt)

Film del: 2008     Genere: Drammatico
Durata: 92 minuti   



Trama:

Dopo 22 anni di carcere, l'ex-terrorista Widmer torna in libertà. Era uno dei capi della seconda generazione della RAF, inizialmente nota anche come Banda Baader-Meinhof. Durante un sequestro non riuscito, il suo commando uccise von Seichfeld, direttore di banca, ed uno dei suoi dipendenti ma non si seppe mai chi esplose i colpi mortali.



Vota il film!

Voto medio: 4,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Schattenwelt

Una fotografia scarna, dai toni dimessi, e dei dialoghi essenziali, ridotti all’osso, fanno da sfondo ad un film che affronta una delle più inquietanti pagine della storia tedesca, quelle relative agli attentati commessi dalla banda Baader-Meinhof, o meglio, dalla RAF (Rote Armee Fraktion), una fazione armata di estrema sinistra che dagli anni ’70 fino a tutti gli anni ’90 ha seminato terrore e morte nelle terre alemanne.

Il secondo lungometraggio di Connie Walther si avvale di una regia semplice, e inquadrature poco ricercate, quasi a sottolineare la “serietà” della storia narrata. I lunghi silenzi, gli sguardi indagatori, i gesti sempre precisi, attenti, dei protagonisti, sottolineano la difficoltà della reintegrazione da parte di coloro che hanno commesso gesti tragici.

Il metodo narrativo, che a prima vista potrebbe sembrare lineare, è invece alquanto contorto, tanto che per quasi tutta la prima parte del film non si comprende bene dove si vuole andare a parare: si vuole parlare di recupero, riabilitazione, vendetta? Poi, tutto diventa più chiaro, ma anche, paradossalmente meno intrigante. La trama, in definitiva, si risolve con molti dejà vu, cade in luoghi comuni e, soprattutto, resta molto lacunosa.

C’è da dire, però, che i tedeschi non si tirano indietro quando si tratta di fare i conti con il proprio passato: le storie di guerriglia urbana, messe in atto dalla banda Baaden-Meinhof e da tutte le sue successive derivazioni, sono continuamente sottoposte al vaglio critico della moderna generazione di cineasti, tanto che proprio durante questa terza edizione del Festival di Roma, c’è anche un’altra pellicola che tratta di questo argomento.

(Teresa Lavanga)



Cast

    Franziska Petri
(35 anni circa in questo film)

... Valerie

    Ulrich Noethen
(49 anni circa in questo film)

... Volker Widmer

Dati Tecnici

Nazione

 

Germania

Regia

 

Connie Walther

Sceneggiatura

 

Connie Walther

Produzione:

 

NextFilm, Gambit Filmproduktion

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................