La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Iri

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2008
Selezione Ufficiale - Cinema 2008

..............................



Iri

(Iri)

Film del: 2008     Genere: Drammatico
Durata: 107 minuti   



Trama:

Nel 1977 un'esplosione dilaniò la stazione ferroviaria di Iri, una cittadine della Corea del Sud causando centinaia di morti. Trent'anni dopo la città ha un nuovo nome e nuovi edifici, ma le ferite interiori delle persone coinvolte sono più lente e difficili da sanare. Bella e gentile, Jin-seo è segnata da un handicap psichico dovuto al trauma riportato nell'esplosione dalla madre incinta. La sua ingenuità è però interpretata come disponibilità dai molti uomini che approfittano di lei e da cui, inutilmente, il fratello tenta di proteggerla.



Vota il film!

Voto medio: 5,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Iri

Iri è il nome di una città coreana semidistrutta dall’esplosione della stazione ferroviaria avvenuta nel 1977. Trent’anni dopo questa città ha cambiato nome e il regista Zhang Lu, in occasione della commemorazione del disastro, scrive questo film raccontando la storia di Jin-Seo e Tae-woong, una sorella e un fratello sopravvissuti alla strage, lui quando era bambino e lei quando era ancora nel ventre materno. E’ il racconto di un malessere profondo che ha origine dal luttuoso evento accaduto trent’anni prima. Lei soffre di disturbi mentali ed è spesso oggetto delle violenze sessuali degli uomini che la incontrano, lui cerca di proteggerla facendo però sforare questo sentimento in un misto di frustrazione e rabbia che spesso si tramuta in ritorsione verso la sorella.

Girato con una lentezza esasperante, lunghe studiatissime e ricercatissime inquadrature all’interno delle quali si muovono gli attori, accompagnate a volte da quasi impercettibili movimenti della macchina, il film è di quelli che si fa fatica a seguire e che solo a tratti attrae per alcune poeticità intrinseche alle scene, velate da una malinconia di base. Cronaca di un impossibile via di uscita, nel suo scorrere, l’opera è anche una metafora di un mondo che non c’è più e che emblematicamente, nell’ultima fissa sequenza, vediamo scoppiare e disintegrarsi per la seconda volta.

Un film senza scampo, anche per lo spettatore.

(Daniele Sesti)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

Corea del Sud

Regia

 

Zhang Lu

Sceneggiatura

 

Zhang Lu

Produzione:

 

Gyro Pictures, Sponge

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................