La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Vegas: Based on a True Story

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2008
In concorso 65? Festival di Venezia

..............................



Vegas: Based on a True Story

(Vegas: Based on a True Story)

Film del: 2008     Genere: Drammatico
Durata: 102 minuti   



Trama:

Eddie Parker e sua moglie Tracy, operai, conducono con il figlio dodicenne una tranquilla vita nei sobborghi della capitale americana del divertimento: Las Vegas. Eddie, che ha il vizio del gioco, non ha mai vinto somme importanti e Tracy, che si prende cura del piccolo giardino, fa di tutto per tenere unita la fragile famiglia. Un giorno però si presenta uno sconosciuto.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Vegas: Based on a True Story

Amir Naderi, regista iraniano trapiantato a New York città alla quale ha dedicato addirittura una trilogia, continua a parlarci dell’America, e degli americani, descrivendoci una delle sue caratteristiche più peculiari: l’amore per il denaro e la ricchezza. Lo fa raccontandoci una storia vera accaduta nella più americana delle città e dove il Dio Denaro è sovrano assoluto: Las Vegas. La città dei casinò e degli alberghi più bizzarri del mondo, oltre alle scintillanti luci dei suoi grattacieli è composta anche da casette fabbricate con attorno piccoli giardini tenuti con amore. In uno di questi, però, sembra che sia stato sepolto un tesoro, la refurtiva di una rapina avvenuta quarant’anni prima.

Molto attento nel caratterizzare i personaggi (soprattutto la moglie interpretata dalla brava Nancy La Scala) Naderi nel raccontare questa storia così americana non rinuncia però alle caratteristiche stilistiche del suo cinema e così ne esce un film a tratti interessanti ma che l’eccessiva lunghezza e soprattutto la ripetitività di alcune sequenze finisce per rendere noioso. L’ultima ora del film è un continuo scavare senza sosta e dopo un po’ davvero non se ne può più. Un’attività davvero esagerata anche se giustificata dalla necessità di enfatizzare l’ossessione che si impadronisce della famiglia, soprattutto del marito. A peggiorare la situazione anche la circostanza che quasi tutto il film si svolge attorno alla casa ed il suo giardino.

In questo lento ed ossessivo crescendo verso la completa distruzione, caratterizzato da una fotografia chiara e luminosa quasi al fastidio, il regista iraniano rimarca, come detto, le tematiche dell’arricchirsi a tutti i costi nella maniera più veloce possibile e senza pensare alle possibili nefande conseguenze, (forse metafora di un capitalismo sfrenato e senza più regole?), sulle quali si impernia il corollario del vizio del gioco, tara alla quale, sembrerebbe, la popolazione intera di Las Vegas non riesce a sottrarsi, quasi fosse una maledizione divina. In questo, forse, è la cosa migliore del film di Naderi: lo spingerci ad una riflessione mai troppo superflua.

(Daniele Sesti)



Cast

    Mark Greenfield

    Nancy La Scala

    Zach Thomas

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Amir Naderi

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................