La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

La colazione dei campioni

..............................
ARTICOLI CORRELATI




03/04/2008
Videod(r)ome: i campioni della visione, dai festival al DVD

..............................

La colazione dei campioni

(Breakfast of Champions)

Film del: 1998     Genere: Grottesco
Durata: 106 minuti   



Trama:

Dwayne Hoover è l'uomo d'affari più rispettato di Midland City, immaginaria e surreale comunità partorita dalla fantasia dello scrittore Kurt Vonnegut.
Eppure Dwayne è sull'orlo di un esaurimento nervoso. Nello stesso tempo, Kilgore Trout, scrittore di fantascienza incompreso e inaridito, sta vivendo un'odissea per attraversare il Paese e arrivare a Midland City per presenziare, in veste di ospite d'onore, al primo Festival delle Arti della città.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: La colazione dei campioni

Il regista Alan Rudolph si è cimentato in un’impresa improba: trarre un film dal romanzo "La colazione dei campioni" di Kurt Vonnegut. Non è stato il primo ed i risultati precedenti non erano incoraggianti; malgrado ciò, Rudolph ha lavorato parecchio alla sceneggiatura, apportando anche delle modifiche ma cercando di mantenere intatta l’atmosfera, con il beneplacito dello scrittore e l’aiuto di Bruce Willis, che ha fortemente voluto questo film.

L’intento è, almeno parzialmente, riuscito dando per scontato che lo stile narrativo di Vonnegut è irraggiungibile, grazie ad un’attenta caratterizzazione dei personaggi.
La colazione dei campioni è una commedia grottesca il cui bersaglio è la società americana, in tutto il suo “splendore” consumistico. La sua peculiarità consiste nelle frequenti incursioni allucinatorie del protagonista Dwayne Hoover (che crede di essere sull’orlo della follia), contrastanti con gli altri abitanti di Midland City, a ben vedere molto più “fuori” di lui.
Poi c’è la figura di Kilgore Trout (un ottimo Finney), lo scrittore di romanzetti di fantascienza ignorato da tutti, presente anche in altri libri di Vonnegut, deluso dalla vita ma che all’improvviso viene invitato ad un Festival proprio a Midland City.
Sarà l’incontro tra i due a fare scintille e a provocare ripercussioni persino sulla realtà come noi la percepiamo, mantenendo però il racconto sempre intelligibile e mai del tutto delirante.

La colazione dei campioni si fa apprezzare non tanto per le doti registiche di Rudolph, non particolarmente pungenti, quanto per un cast che regge il ritmo ed incarna alla perfezione i personaggi, anche comprimari. Memorabile il collega di Dwaine Harry Le Sabre, dedito al travestitismo, la moglie Celia, il figlio gay Bunny, che sembra un po’ Elton John, l’ex delinquente Wayne Hoobler (Omar Epps, celebre attore di fiction tra cui Dr. House), adoratore del venditore d’auto Hoover. Ognuno di loro è immerso in questo mondo surreale, nient’altro che una rappresentazione degli Usa, patria e vittima del franchising, dell’omologazione dei consumi.

Ma il film non è propriamente una denuncia, bensì un bizzarro viaggio nelle paranoie di questi incredibili abitanti di questa città di fantasia ma così reale.
Un viaggio dal quale si torna frastornati e con un amaro sorriso sulle labbra.

(Italo Rizzo)



Curiosità:

I titoli di testa sono disegnati da Kurt Vonnegut, il quale fa anche un cameo nel film (è il regista di uno spot).



Descrizione DVD:

L’edizione di questo dvd, a cura della Dolmen Home Video, non presenta particolarità di rilievo: il formato video è quello corretto, 1.77:1, anamorfico e widescreen, la qualità della compressione è discreta ma ad ogni modo il film è piuttosto recente. Per la codifica audio è presente, purtroppo, solo il 2.0, sia per la versione doppiata che quella in lingua originale, buona la resa degli effetti sonori e abbastanza nitidi i dialoghi. Due le opzioni per i sottotitoli: italiano ed italiano per non udenti, mentre gli extra sono quasi assenti. C’è solo il trailer italiano (stranamente non segnalato sulla fascetta!), ed un lungo contributo testuale, con dichiarazioni del cast ed informazioni sulla genesi della sceneggiatura, come sappiamo tratta dal romanzo di Vonnegut. Peccato per la mancanza di altri materiali, comunque un film da recuperare in quanto ingiustamente ignorato.



Cast

Bruce Willis   Bruce Willis
(43 anni circa in questo film)

... Dwayne Hoover

Albert Finney   Albert Finney
(62 anni circa in questo film)

... Kilgore Trout

Nick Nolte   Nick Nolte
(57 anni circa in questo film)

... Harry Le Sabre

Barbara Hershey   Barbara Hershey
(50 anni circa in questo film)

... Celia Hoover

Glenne Headly   Glenne Headly
(43 anni circa in questo film)

... Francine Pefko

Lukas Haas   Lukas Haas
(22 anni circa in questo film)

... George 'Bunny' Hoover

    Vicki Lewis
(38 anni circa in questo film)

... Grace Le Sabre

Home Video

Anno di uscita in home video: 2007

Distribuzione: Dolmen

Contenuti speciali:  Trailers / Note di produzione

Formati audio: Dolby Digital 2.0

Formati video: Anamorfico / 1.77:1 / 16/9

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Alan Rudolph

Sceneggiatura

 

Alan Rudolph

Fotografia:

 

Elliot Davis

Colonna Sonora

 

Mark Isham

Produzione:

 

Flying Heart Films

Distribuzione:

 

Mikado

Distribuzione Home video:

 

Dolmen





..............................

scrivi la tua opinione

..............................