La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Lezioni d'Amore

..............................
FESTIVAL

Festival di Berlino 2008
Concorso

..............................



Lezioni d'Amore

(Elegy)

Film del: 2008     Genere: Drammatico / Romantico
Durata: 108 minuti   Uscito al cinema il: 30/04/2009   


Tratto da Phlip Roth, il dramma della terza età del Professor Kepesh non si eleva oltre la dimensione del dramma televisivo da metà pomeriggio.


Trama:

Basato sul romanzo di Philip Roth "The Dying Animal".
Il professor Kepesh tiene fede al suo giuramento: non avere mai una relazione stabile con una donna. Ma un giorno nel suo corso entra Consuela Castillo.



Vota il film!

Voto medio: 5,33

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Lezioni d'Amore

Da Alvin a questa parte il cinema statunitense è pieno di scapoli impenitenti che non vogliono prendere impegni o avere donne per periodi più prolungati di poche notti. La parola impenitente si adatta molto bene del resto ad un sessantacinquenne come Ben Kingsley (in forma fisica peraltro invidiabile) nella parte di un personaggio che non si sa "se abbia bisogno di invecchiare o di diventare adulto". L'ingresso nella sua vita di Consuela è devastante. O almeno dovrebbe esserlo. Elegy è tratto da "L'animale morente", terzo romanzo di Philip Roth che vede come protagonista il professor Kepesh, e come sembra suggerire il titolo Consuela dovrebbe essere una bestia sessuale scatenata e istintiva. Invece Penelope Cruz ha dato sullo schermo la rappresentazione di una donna dolce e mansueta che nulla ha della primitiva carica della Consuela letteraria.

Quello che ne viene fuori è un melodramma all'acqua di rose, in cui vengono affrontati in realtà temi cruciali per gli esseri umani come: responsabilità, amore, amicizia, malattia e morte; ma benché Elegy sia sostenuto da prove attoriali di un certo livello, il film non riesce a librarsi oltre la pigra dimensione domestica di un drammone televisivo di metà pomeriggio. Ricorre in effetti a tutto l'arsenale stilistico (musica, inquadrature, pause) per provocare facili lacrime, in una sentimentalizzazione che rasenta il pornografico. Per complicare le cose, e per sforzarsi di renderle meno banali, vengono introdotti però arguti dialoghi (alcuni davvero spiritosi per la verità) che devono confermare una verità generale dell'intellighenzia di New York: gli intellettuali sono tanto teneri e sensibili, ma sempre dietro al comodo riparo di una ruvida scorza di cinismo.

Per il resto domina l'elegia dei corpi: dal fisico insolitamente tonico e palestrato di Kingsley fino alle morbide sinuosità alla Goya della Cruz. Il tutto inframmezzato da pause che lasciano più domande che risposte sulla psicologia del personaggio di Kepesh e sulle sue motivazioni edonistiche e vacillanti. Rinnova la sua presenza scenica un Dennis Hopper cinico e spiritoso al punto giusto. Una pellicola che ha l'ambizione di trasmettere al pubblico un senso di dolce malinconia. Studiata però a tavolino dall'inizio alla fine.

(Mauro Corso)



Cast

Penélope Cruz   Penélope Cruz
(34 anni circa in questo film)

... Consuela Castillo

Ben Kingsley   Ben Kingsley
(65 anni circa in questo film)

... Professor Kepesh

Dennis Hopper   Dennis Hopper
(72 anni circa in questo film)

... George O'Hearn

Patricia Clarkson   Patricia Clarkson
(49 anni circa in questo film)

... Carolyn

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Isabel Coixet

Sceneggiatura

 

Nicholas Meyer

Fotografia:

 

Jean-Claude Larrieu

Produzione:

 

Lakeshore Entertainment

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................