La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

There Will Be Blood - Il Petroliere

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival di Berlino 2008
Concorso

..............................



..............................
PREMI


oscar
Oscar 2008

Daniel Day-Lewis   miglior attore

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




24/02/2008
Gli Oscar 2008

..............................

There Will Be Blood - Il Petroliere

(There Will Be Blood)

Film del: 2007     Genere: Drammatico
Durata: 158 minuti   Uscito al cinema il: 15/02/2008   


Affresco, non troppo rassicurante, su un’America degli inizi del secolo scorso


Trama:

Tratto da un romanzo di Upton Sinclair ("Oil"), racconta la storia dell'aspirante magnate del petrolio Daniel Plainview all'inizio del XX secolo.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: There Will Be Blood - Il Petroliere

Per chi crede che le fondamenta degli Stati Uniti siano state costruite da self-made men che con il duro lavoro hanno reso glorioso il nome del Paese a stelle e strisce in tutto il mondo, allora Il Petroliere fa proprio al caso loro.

Forse il titolo originale, There Will Be Blood (Scorrerà il sangue) rende meglio la storia di un uomo che partito dal niente (minatore) arriva ad essere potentissimo. Ma, come al solito, non sono tutte rose e fiori.

Il nuovo film di Paul Thomas Anderson, che già ci aveva favorevolmente impressionato con una cifra stilistica tutta sua, è un amarissimo affresco sulle conseguenze della forza del dio denaro. A parte un Daniel Day-Lewis che, probabilmente, vincerà l’Oscar a spasso (è veramente eccezionale!), a parte Paul Dano che si sarebbe meritato perlomeno la nomination, a parte una grandissima regia ed una altrettanto grande fotografia, il vero fascino del film forse risiede nell’intento morale del racconto.

Intento morale che, paradossalmente, neanche c’è (il finale spiazzante dice tutto), ma che per l’intera durata della storia sembra, da sotto, voler prendere violentemente il sopravvento. Questa è la storia di un uomo senza scrupoli e di un altro uomo il cui intento è creare scrupoli agli altri, in maniera fin troppo “cattiva”. E’ una storia sul potere di persuasione e sulla comunità che, cieca, si lascia persuadere. E’ una storia, infine, buona allora come adesso. Anche oggi il petrolio consente la ricchezza (di pochi) attraverso una violenza inaudita (ve li ricordate quelli dello slogan Blood for oil?) e anche oggi, non solo negli Stati Uniti, si fa uso della religione per scopi prettamente economici (e’ possibile che nel XX secolo del film e nel XXI nostro, ci sia ancora qualcuno che crede a ‘sti buffoni?).

E alla fine sembra, quindi, che i due personaggi principali del film assumano il valore di simboli, purtroppo, eterni. Tant’è che in certi momenti la figura del predicatore sembra quasi perdere sembianze terrene per diventare una proiezione dell’inconscio. Nel suo modo di raccontare, lentissimo ma straordinariamente efficace (altrettanto efficace la colonna sonora di Jonny Greenwood dei Radiohead), Anderson riesce a descriverci il male che è sempre in agguato e allo stesso tempo, persino con tratti surreali, ci fa vedere l’immagine terribile di un uomo che, soltanto per colpa sua, è “costretto” a vivere da solo, malgrado tutto quello che la vita gli ha dato. E allora ci sembra che quelle fondamenta di cui parlavamo all’inizio non siano così forti. Anzi, si stanno sgretolando sempre di più.

(Renato Massaccesi)



Curiosità:

Il film è candidato a 8 Oscar.

La madre di Dillon Fraser per decidere se far parteciapre il figlio alle riprese ha voluto conoscere meglio i lavori di Daniel Day-Lewis, ma dopo aver visto Gangs of New York era rimasta shockata, allora la produzione gli ha prontamente inviato L'Età dell'Innocenza.

Daniel Day-Lewis ha accettato di fare il film solo perché aveva apprezzato Ubriaco d'Amore.

La prima frase del film viene pronunciata solo dopo più di 11 minuti.



Cast

Daniel Day-Lewis   Daniel Day-Lewis
(50 anni circa in questo film)

... Daniel Plainview

    Dillon Freasier

... H.W. Plainview

Paul Dano   Paul Dano
(23 anni circa in questo film)

... Paul Sunday / Eli Sunday

    Kevin J. O'Connor
(44 anni circa in questo film)

... Henry Brands

Ciarán Hinds   Ciarán Hinds
(54 anni circa in questo film)

... Fletcher Hamilton

    Sydney McCallister

... Mary Sunday

    David Willis

... Abel Sunday

    Russell Harvard

... H.W. Plainview adulto

    Colleen Foy

... Mary Sunday adulta

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Paul Thomas Anderson

Sceneggiatura

 

Paul Thomas Anderson / Upton Sinclair

Fotografia:

 

Robert Elswit

Colonna Sonora

 

Jonny Greenwood

Produzione:

 

Paramount Vantage / Miramax Films / Ghoulardi Film Company

Distribuzione:

 

Buena Vista

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................