La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Chacun Son Cinéma

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2007
Opere Fuori Concorso

..............................



Chacun Son Cinéma

(Chacun Son Cinéma)

Film del: 2007     Genere: Commedia / Drammatico
Durata: 114 minuti   



Trama:

Tutto cominciò con una scommessa: festeggiare l'anniversario del Festival di Cannes senza ammantare di nostalgia i suoi 60 anni già trascorsi, privilegiando invece l'ammirazione e la nostra fiducia verso i grandi autori del mondo intero. Autori di cinema che non hanno ancora smesso di stupirci, inventando incessantemente la loro arte. Abbiamo quindi riunito 35 registi, universalmente noti, venuti da cinque continenti e da 25 paesi. In tre minuti ciascuno di loro ha messo in scena il proprio stato d'animo in relazione alla sala cinematografica, luogo d'incontro per eccellenza per tutti gli appassionati di questo linguaggio. La natura stessa del progetto li ha spinti a mostrarsi sorprendenti, ironici o teneri, sarcastici ma anche commoventi o provocatori. La varietà delle culture, delle origini e dei talenti ci ha ispirato il titolo di questa pellicola: 33 opere opere individuali per una celebrazione collettiva…
(Gilles Jacob)



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Chacun Son Cinéma

Ogni anniversario merita un dono. Gilles Jacob per i sessant’anni del “suo” Festival di Cannes ne ha avuto uno tra i più belli: trentatre registi (o si potrebbe dire autori) hanno dato la loro versione, in tre minuti, di quello che ha significato, o significhi, per loro il momento magico in cui si spengono le luci in sala.

E quindi in Chacun Son Cinéma troviamo il gotha del Cinema mondiale passando attraverso i cinque continenti ma comunque rimanendo a casa se intendiamo la sala cinematografica come luogo dell’anima (ed ogni cineasta ne ha una in cui il proprio immaginario abita). Ovviamente il film assemblato da Jacob è molto discontinuo: ogni autore ha la sua cifra stilistica spesso riconoscibile (è tra l’altro un buon quiz per tutti i cinefili riuscire a capire il regista del frammento prima che compaia il suo nome sui titoli di coda). Ma in più di due ore di rassegna troviamo di tutto: dalla poesia alla musica, dal dolore alla gioia, dalla favola alla realtà. Insomma tutto ciò che è un po’ la vita.

Ovviamente ognuno è libero di ritrovarsi in qualche sequenza e ritornare al momento in cui, in quella sala così enorme (erano così anche le più piccole), ci sorprendevamo a stupirci. In una personale classifica alla Nick Hornby la top five sicuramente comprende Walter Salles, Ken Loach, i fratelli Cohen, Nanni Moretti e Aki Kaurismäki. Ed ognuno deve farsi la sua, perché per quanto il lavoro di chi porta avanti questa meraviglia che è il Cinema meriti sempre rispetto è pur vero che in tutti i nostri anni da spettatori abbiamo amato quelle immagini che scorrevano (e che scorrono), ognuno in maniera diversa. E se diversa è anche l’impostazione dei trentatre chiamati all’omaggio è uguale quel senso di poetica sorpresa che ancora oggi la sala cinematografica ci regala.

E’ un grande omaggio alla sala e al Cinema universalmente inteso questo ideato da Jacob e dimostra anche quanto la gran parte degli autori non faccia del proprio lavoro una questione prettamente economica (il budget per ognuno è stato 25.000 euro). E poi è anche un mettersi alla prova, perché poter descrivere in tre minuti quella straordinaria sorpresa non è così facile. Ad onor del merito c’è da dire che alcuni, senza fare nomi, non ci sono riusciti perfettamente a descrivere ma va bene lo stesso, perché l’importante è l’approccio: quello da spettatore prima e quello da autore poi. Anzi tutti e due insieme. E se quindi ci sono momenti di stanchezza ci si passa sopra perché se alcuni non ce l’hanno fatta in quei tre minuti, ce l’avevano fatta prima, nella loro filmografia, a contribuire a creare quella “Grande Illusione” che è il Cinema.

(Renato Massaccesi)



Cast

  "Beat" Takeshi Kitano
(60 anni circa in questo film)

    Casper Christensen
(39 anni circa in questo film)

David Cronenberg   David Cronenberg
(64 anni circa in questo film)

    Elia Suleiman

George Babluani   George Babluani

    Jean-Claude Dreyfus
(61 anni circa in questo film)

Josh Brolin   Josh Brolin
(39 anni circa in questo film)

Lars von Trier   Lars von Trier
(51 anni circa in questo film)

Nanni Moretti   Nanni Moretti
(54 anni circa in questo film)

Dati Tecnici

Regia

 

Theodoros Angelopoulos / Olivier Assayas / Bille August / Jane Campion / Youssef Chahine / Kaige Chen / Michael Cimino / Ethan Coen / Joel Coen / Amos Gitai / Atom Egoyan / Raymond Depardon / Manoel de Oliveira / Luc Dardenne / Jean-Pierre Dardenne / David Cronenberg / Alejandro González Iñárritu / Hsiao-hsien Hou / Aki Kaurismäki / Abbas Kiarostami / "Beat" Takeshi Kitano / Andrei Konchalovsky / Claude Lelouch / Ken Loach / David Lynch / Nanni Moretti / Roman Polanski / Raoul Ruiz / Walter Salles / Elia Suleiman / Ming-liang Tsai / Gus Van Sant / Lars von Trier / Wim Wenders / Kar Wai Wong / Yimou Zhang

Produzione:

 

Cannes Film Festival / Elzévir Films

Distribuzione:

 

non distribuito

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................