La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

In Viaggio con Patrizia

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2007
Sezione Extra

..............................



In Viaggio con Patrizia

(In Viaggio con Patrizia)

Film del: 2007     Genere: Drammatico
Durata: 50 minuti   



Trama:

Un viaggio nella memoria, un tributo alla poesia fonetica e alla personalità di Patrizia Vicinelli, realizzato a più riprese nel corso degli anni, dal 1965 al 2007. Una sorta di diario per immagini e suoni, con le musiche inedite di Paolo Fresu.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: In Viaggio con Patrizia

Grifi ha iniziato a girare In viaggio con Patrizia già nel 1965 e da allora è intervenuto più volte sul montaggio del materiale, senza giungere ad una versione definitiva.
Questa versione, postuma, è una sintesi dei linguaggi sperimentati da Grifi e al contempo uno dei suoi lavori più intimi, un omaggio alla poetessa Patrizia Vicinelli, sua compagna negli anni ’60 e scomparsa nel 1991.
Guardare questo film è come entrare nel laboratorio di Grifi, assistere ad un work in progress, una sequenza di frammenti, un continuo oscillare da fotografie a riprese al rallenty, da bianco e nero al colore, significa, detto altrimenti, intraprendere un viaggio nella memoria. Non c’è nulla di cristallizzato, l’unica costante è il volto di Patrizia, (ri)tagliato nel corso dei decenni e ridisegnato dalla sua voce, sempre fuoricampo, che recita alcune sue poesie.
Da ricordare, infatti, che la Vicinelli agiva nell’ambito della poesia fonetica e del teatro, entrando a far parte per un breve periodo del Gruppo ’63 ed incidendo in seguito anche dei dischi.

L’approccio del filmaker romano a questa materia pulsante ed in costante trasformazione non prevede un ordine, un susseguirsi di date e rievocazioni specifiche, ma tenta di suggerire la personalità della poetessa tramite una manciata di elementi.
Significativo in tal senso il momento del sogno, o meglio del racconto di un sogno fatto dalla Vicinelli; fa venire in mente le affinità di Grifi con il New American Cinema, con Jonas Mekas ed il suo desiderio di filmare la quotidianità. Ciò che tuttavia accosta In Viaggio con Patrizia ad una suite o ad un componimento lirico, è la musica eseguita da Paolo Fresu, chiamato in seguito per una collaborazione, e che vediamo improvvisare direttamente sul girato.

In Viaggio con Patrizia è un tassello importante, indispensabile per riconoscere il coraggio di Alberto Grifi nel proporre materiali così eterogenei, la conclusione (temporanea?) di un percorso del tutto avulso da richiami a strutture narrative tradizionali e che va inserito tra le sue opere più radicali (come Transfert per camera verso Virulentia, del quale non per caso troviamo qui alcune sequenze).

(Italo Rizzo)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Alberto Grifi

Sceneggiatura

 

Alberto Grifi

Fotografia:

 

Alberto Grifi

Colonna Sonora

 

Paolo Fresu

Produzione:

 

Associazione culturale Alberto Grifi / Interact

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................