La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Tutta la mia Vita in Prigione

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2007
Sezione Extra

..............................



Tutta la mia Vita in Prigione

(In Prison My Whole Life)

Film del: 2007     Genere: Documentario
Durata: 96 minuti   Uscito al cinema il: 08/02/2008   



Trama:

La vita di Mumia Abu Jamal, giornalista ex attivista delle Pantere Nere, condannato a morte nel 1982.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Tutta la mia Vita in Prigione

Il caso di Mumia Abu-Jamal: un caso di ragionevole dubbio, un caso ancora aperto, un uomo rinchiuso nel braccio della morte che non può essere fotografato né filmato e non può vedere il film su di lui. La ricostruzione dei fatti, le tragedie invisibili e dimenticate dell’America degli anni ’60 e ’70, le interviste ad esperti ed appassionati della vicenda. Mumia è colpevole o innocente?

Recensione

Patrocinato da Amnesty International e prodotto dall’attore inglese Colin Firth, In Prigione Tutta la Mia Vita è uno dei documentari più interessanti presentati all’ultima Festa Internazionale del Cinema di Roma.
Il caso di Mumia è un caso ancora aperto e il documentario di Marc Evans non è una sterile ricostruzione degli eventi bensì un viaggio nella storia americana; dagli anni dell’apartheid alla lotta per i diritti civili, fino ai bombardamenti nei sobborghi dove risiedevano gli esponenti del gruppo radicale Move, il regista approda alla vicenda di Mumia, condannato a morte per l’omicidio di un poliziotto, avvenuto il 9 Dicembre 1981.

Quella stessa notte nasceva William Francome, narratore del documentario che, attraverso gli Stati Uniti, raccoglie interviste e testimonianze di avvocati, attivisti politici, parenti e amici di Mumia.
Il documentario di Evans ricorre alla vicenda di Mumia per denunciare le molteplici pecche dell’America; un’America razzista, ingiusta, brutale. E’ indubbio che il processo subì numerosi errori di forma e che i giudici e la polizia manifestarono un forte razzismo e in molti si chiedono se anche la giuria era razzista, mentre Mumia aspetta di essere condannato a morte nel carcere di Philadelphia, città dell’amore fraterno.
In Prigione Tutta la Mia Vita ha il pregio di catturare l’attenzione mediante immagini di repertorio, interviste, coinvolgenti musiche di Snoop Dogg e dei Massive Attack, montaggio in stile video di MTV e un interessante ricorso al digitale che richiama alla memoria i collage di Mimmo Rotella.
Non un semplice documentario fatto di immagini e parole ma un pot pourri di elementi e temi legati alla storia americana del trentennio 1960-1990. Non la strenua difesa dell’esponente dei Black Panther ma la rivelazione dei soprusi e delle carenze giuridiche subite da Mumia, in ultimo, e da tutte le minoranze e i gruppi di attivisti politici.

In Prigione Tutta la Mia Vita è un collage di ingiustizie e mentre l’ONU discute la moratoria sulla pena capitale, Mumia scrive libri dalla sua cella e parla alla radio raccontando la sua storia.

(Daria Castelfranchi)



Curiosità:

Il film ha il patrocinio di Amnesty International.



Cast

    Mumia Abu Jamal

    Noam Chomsky
(79 anni circa in questo film)

    Angela Davies

    Alice Walker
(63 anni circa in questo film)

    Steve Earle

Mos Def   Mos Def
(34 anni circa in questo film)

Snoop Dogg   Snoop Dogg
(36 anni circa in questo film)

    William Francome

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito

Regia

 

Marc Evans

Sceneggiatura

 

Marc Evans / William Francome

Fotografia:

 

Ari Issler

Colonna Sonora

 

Robert Del Naja / Neil Davidge

Produzione:

 

Fandango / Nana

Distribuzione:

 

Fandango

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................