La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Leoni per Agnelli

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2007
Opere Fuori Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




23/10/2007
Robert Redford i due leoni, ma gli agnelli?


30/10/2007
Dalla seconda guerra mondiale ad oggi, come è cambiata la visione ed il ruolo degli USA nel mondo


16/12/2007
Irving, un personaggio controverso

..............................

Leoni per Agnelli

(Lions for Lambs)

Film del: 2007     Genere: Drammatico
Durata: 90 minuti   Uscito al cinema il: 21/12/2007   



Trama:

Toccante storia di vari individui coinvolti, ciascuno in chiave diversa, nella guerra al terrorismo avviata dagli Stati Uniti: un senatore che cerca di rifilare la sua innovativa "strategia a 360 gradi" a una giornalista televisiva, un professore idealista che cerca di convincere uno dei suoi studenti più promettenti a cambiare il corso della sua vita, e due ragazzi, che combattono nella montagne innevate dell'Afghanistan, il cui desiderio di dare un senso alla propria vita li ha portati ad arruolarsi nell'esercito americano per unirsi alla lotta contro il terrorismo mondiale.



Vota il film!

Voto medio: 5,86

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Leoni per Agnelli

Dopo il Vietnam nacque un nuovo tipo di cinema in America: quello dell’antieroe (o anche dell’antidivo, tecnicamente parlando). Genere, se così si può chiamare, teso a raccontare un nuovo tipo di personaggio nel quale quale gli spettatori si potessero identificare, dopo il fallimento di una guerra inutile. Ora, dopo l’11 Settembre, sembra stia prendendo piede un genere simile: quello della coscienza. Cinema nato tendenzialmente da quello che fu uno dei documentari più importanti dell’ultimo decennio come Fahrenheit 9/11, il quale rivedeva, passo dopo passo, un'azione tragicamente sbagliata dopo una catastrofe come quella delle Twin Towers.

Negli ultimi anni i film che cercano di indagare su di chi sia la colpa e di chi il senso di colpa di quella tragica rivincita si sono moltiplicati: Syriana, Jarhead e Rendition, film di prossima uscita, soprattutto. Ed in questo discorso naturalmente Robert Redford, che faceva parte della schiera degli anti divi negli anni settanta, non poteva rimanere in disparte. Nasce così Leoni per Agnelli, sua ultima fatica. Film diviso in tre compartimenti stagni, ma unito da sottili vasi comunicanti, Leoni per Agnelli parla di tre coscienze differenti appartenenti a tre mondi differenti.

Il primo capitolo che affronta Redford è quello della politica ed il suo indissolubile legame con la stampa. In questa parte Tom Cruise interpreta un rampante senatore in corsa per i posti più prestigiosi, con il volto di plastica tipico di persone che cercano di venderti una guerra persa e difettosa come buona, e della sua interlocutrice: una giornalista invitata apposta per uno scoop. Non è poca la carne che mette sul fuoco Redford in questo capitolo, soprattutto sulle colpe della stampa, ed il suo ruolo di sostenitrice durante l’inizio della guerra in Iraq. Durante il corso dell’intervista il politico sembra avere addirittura ragione inveendo contro i media: sempre pronti a giudicare e mai a prendersi le loro colpe.

Il secondo compartimento Redford lo dedica ad un insegnante, da lui stesso interpretato, ed il suo allievo latitante alle lezioni, ma che il maestro vorrebbe riportare a frequentare i corsi. In questa parte il cineasta sonda le responsabilità dell’insegnamento ed il loro peso sulle giovani menti.

Il terzo capitolo, il più dinamico, indaga sue due dei suoi allievi, uno di origini ispaniche e l’altro afroamericane, partiti per l’Iraq e delle motivazioni per quel gesto così assurdo.

Con questa struttura Robert Redford riesce a concludere un discorso a tutto tondo, producendo un film sì troppo parlato, ma, in qualche modo, perfetto.
Naturalmente le scelta degli attori diventa basilare per un film quasi esclusivamente dialogato, ma non è cosa facile, alla fine, riuscire a parlare di guerra e del suo effetto sugli individui racchiudendo i personaggi fra quattro muri, o farli sparare verso un nemico nascosto nella nebbia.

(Marco Massaccesi)



Cast

Robert Redford   Robert Redford
(70 anni circa in questo film)

... Dr. Stephen Malley

Meryl Streep   Meryl Streep
(58 anni circa in questo film)

... Janine Roth

Tom Cruise   Tom Cruise
(45 anni circa in questo film)

... senatore Jasper Irving

Peter Berg   Peter Berg
(43 anni circa in questo film)

... Wirey Pink

Michael Pena   Michael Pena

... Ernest

Derek Luke   Derek Luke
(33 anni circa in questo film)

... Arian

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Robert Redford

Sceneggiatura

 

Matthew Michael Carnahan

Fotografia:

 

Philippe Rousselot

Colonna Sonora

 

Mark Isham

Produzione:

 

United Artists

Distribuzione:

 

20th Century Fox

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................