La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Lussuria

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2007
In Concorso

..............................



..............................
PREMI


festival di venezia
Festival di Venezia 2007

Ang Lee   Leone d'oro

Rodrigo Prieto   Osella

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




30/08/2007
Venezia tra spie orientali, drammi sulla gelosia e distruzione dei generi


08/09/2007
Venezia 64 - Tutti i premi


09/10/2008
Videod(r)ome – Nelle terre selvagge del cinema

..............................

Lussuria

(Se jie)

Film del: 2007     Genere: Drammatico / Romantico / Thriller
Durata: 156 minuti   Uscito al cinema il: 04/01/2008   


Il plot è di sicuro fascino, ma il suo svolgimento segue il ritmo tipico della cultura orientale inserito però all’interno di una cornice prettamente hollywooddina


Trama:

Wang Chiah-Chih è una giovane donna che si trova coinvolta in un pericoloso gioco di intrighi ed emozioni insieme a Mr. Yee, una potente figura politica di spicco nella Shanghai degli anni quaranta.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Lussuria

Il ritorno del cineasta cinese coincide con una nuova esplorazione dei generi filmici. Dopo l’esperienza del wuxia con la Tigre e il Dragone, quella dei supereroi con il fallimentare Hulk e la rivisitazione del western con Brokeback Mountain, è la volta dello spionaggio in stile Notorius, peraltro citato all’interno del film.
Il risultato è un fuilletton di oltre due ore e mezza estremamente patinato con un’anima sicuramente più romantica e torturata di un Vite Sospese, ma senza la carica eversiva di un Black Book, insomma qualcosa di molto lontano dal pubblico occidentale del nuovo millennio.

Il plot, tratto da un famoso libro della scrittrice cinese Eileen Chang, è di sicuro fascino, da sempre l’idea della Mata Hari disposta a tutto per il suo Paese, ha ispirato ogni sorta di trame, ma il suo svolgimento segue il ritmo tipico della cultura orientale inserito però all’interno di una cornice prettamente hollywooddina. Ne risulta un ibrido, che difficilmente trova una collocazione (e questo non sarebbe assolutamente un problema, anzi) ma che soprattutto stenta a trovare un suo pubblico (e questo può risultare decisamente più nocivo).
L’aspetto totalmente patinato e quasi astratto dalla reale essenza della guerra – almeno quella cruda a cui siamo stati abituati negli ultimi anni – come l’estetica più da realizzazione di “studio” che da prodotto girato all’insegna del realismo, potrebbe essere inteso come un omaggio ai film anni quaranta e cinquanta, ma se tale era l’intenzione, sarebbe stato necessario fermarsi li e non avventurarsi nella palude di primi piani e scene d’interni che finiscono per zavorrare irrimediabilmente la narrazione.

Ang Lee non rinuncia alla profonda analisi dei suoi personaggi, alle motivazioni che li spingono e soprattutto ad instaurare una serie di legami multivalenti tra i protagonisti che finiscono per lacerare le loro coscienze, ma gli consentono di creare quel melodramma che coinvolge lo spettatore. In molti momenti non possiamo non apprezzare la maestria del regista cinese, ma restiamo costantemente in attesa di un qualcosa che continua ad allontanarsi. Diventa così il finale il momento in cui tutto ovviamente si conclude, ma l’attesa è stata così dilatata che finisce addirittura per stemperare la tragedia del momento.
Forse ormai siamo troppo abituate alle spie di stampo bondiano per digerire qualcosa di diverso o forse Ang Lee voleva fare qualcosa di diverso, un po’ come aveva tentato in Hulk, fatto sta che il risultato non è convincente, tutt’altro.

(Valerio Salvi)



Descrizione DVD:

Poco da segnalare a proposito della versione dvd di Lussuria, curata da Bim e 01: buona la qualità dell’immagine, proposta con il formato 1.85:1 anamorfico, nitidi i colori ed efficace il contrasto nelle sequenze in esterni; privo di imperfezioni anche l’audio, disponibile in originale ed italiano Dolby Digital 2.0 ed in 5.1 solo per la nostra lingua, con sottotitoli italiani opzionabili. Stranamente l’unico extra presente è il trailer italiano, tuttavia si tratta di un’edizione di buon livello per il film vincitore del Leone d’oro a Venezia 2007.
(Italo Rizzo)



Cast

Tony Leung Chiu Wai   Tony Leung Chiu Wai
(45 anni circa in questo film)

... Mr. Tee

Wei Tang   Wei Tang
(28 anni circa in questo film)

... Wong Chia Chi / Sig.ra Mak

Joan Chen   Joan Chen
(46 anni circa in questo film)

... Mrs. Yee

    Lee-Hom Wang
(31 anni circa in questo film)

... Kuang Yu-Min

Dati Tecnici

Regia

 

Ang Lee

Sceneggiatura

 

James Schamus / Eileen Chang / Hui-Ling Wang

Fotografia:

 

Rodrigo Prieto

Colonna Sonora

 

Alexandre Desplat

Produzione:

 

Focus Features / River Road Entertainment

Distribuzione:

 

Bim

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................