La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Michael Clayton

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2007
In Concorso

..............................



..............................
PREMI


oscar
Oscar 2008

Tilda Swinton   miglior attrice n.p.

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




31/08/2007
Venezia tra assenze, dissensi e silenzi


08/10/2007
Box Office: L'impegno di Clooney scalza le ciambelle di Homer


24/02/2008
Gli Oscar 2008

..............................

Michael Clayton

(Michael Clayton)

Film del: 2007     Genere: Drammatico
Durata: 125 minuti   Uscito al cinema il: 05/10/2007   


Un legal thriller che miscela abilmente Il Rapporto Pelican con Erin Brockovich


Trama:

Michael Clayton è il jolly di un prestigioso studio americano in grado di risolvere qualunque grana, anche ai margini della legalità, ma quando si troverà di fronte ad una crisi di coscienza le sue opzioni di scelta si ridurranno drasticamente.



Vota il film!

Voto medio: 6,54

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Michael Clayton

Una delle cartine tornasole dei momenti di crisi americani è sempre stata Hollywood. Quando anche la grande industria cinematografica a stelle e strisce – soprattutto attraverso le major – inizia a sfornare pellicole di denuncia, significa che un’era si sta chiudendo. Dall’undici settembre poi il riflettore è sempre puntato sul presunto occultamento della verità ed ora Tony Gilroy, regista preso in prestito dalle sceneggiatura d’azione, decide di accodarsi al carrozzone anti Bush sfruttando l’appoggio produttivo della Section Eight, quindi dello stesso Clooney protagonista del film.

Michael Clayton è strutturato secondo i canoni del legal-thriller sanciti dal suo maestro, Grisham, in perfetto stile Rapporto Pelican, ma con un pizzico di introspezione in più alla Erin Brockovich. Cocktail vincente soprattutto se la “faccia” che supporta il film per quasi tutte le due ore è quella del divo per tutte le stagioni Gorge Clooney. Ma al di là di questa lettura patinata e superficiale di un prodotto per la grande massa strutturato in maniera piuttosto banale, resta il fatto che Gilroy alza abbastanza la voce da farsi sentire e lo fa in modo da poter raggiungere tutte quelle fasce di pubblico che non andrebbero mai a vedere pellicole documentaristiche o molto più crude.
Perché diciamocelo chiaramente, è vero che la verità viene sempre occultata, ma è altrettanto vero che sono veramente pochi quelli che la cercano attivamente e poi per quale motivo? Le cose restano sempre le stesse. Oggi scopriamo che una multinazionale che produce – tra le altre cose – diserbanti chimici sapeva che i suoi prodotti erano cancerogeni, ma ieri avevamo saputo che scarti chimici andavano ad inquinare le falde d’acqua potabile, o che dalla Cina arrivano prodotti cancerogeni, ma questo non si riflette mai in un vero cambiamento. I bambini taiwanesi non cuciono più i palloni della Nike, ma non staremo certo pensando che ci stiano giocando con quei palloni, semplicemente li abbiamo nascosti da qualche parte a stampare magliette in attesa che qualcun’altro si svegli per scoprirlo e far ripartire il circo mediatico.

Michael Clayton si indigna, si inalbera e si ribella ad un sistema che lui stesso ha contribuito a creare per 12 anni lavorando come “spazzino” di uno studio legale che non è certo un convento per educande. Ha imbrogliato, ha rubato, ha sfruttato e ricattato, era pronto a vendersi – e svendere altre 600 persone - per 80.000 dollari, ma improvvisamente rinsavisce in un impeto di moralismo liberal che tanto piace a quell’America che vorrebbe aver ratificato gli accordi di Kyoto, e diventa paladino della giustizia.
Bello e molto toccante, ma perché questo accadesse c’è voluta una bomba in una macchina, quindi sarà molto difficile che siano in molti a seguire le sue orme, nel frattempo speriamo che qualche coscienza si risvegli.

(Valerio Salvi)



Cast

George Clooney   George Clooney
(46 anni circa in questo film)

... Michael Clayton

Tom Wilkinson   Tom Wilkinson
(59 anni circa in questo film)

... Arthur Edens

Tilda Swinton   Tilda Swinton
(47 anni circa in questo film)

... Karen Crowder

Sydney Pollack   Sydney Pollack
(73 anni circa in questo film)

... Marty Bach

    Michael O'Keefe
(52 anni circa in questo film)

... Barry Grissom

    Ken Howard
(63 anni circa in questo film)

... Don Jefferies

    Austin Williams
(11 anni circa in questo film)

... Henry Clayton

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Tony Gilroy

Sceneggiatura

 

Tony Gilroy

Fotografia:

 

Robert Elswit

Colonna Sonora

 

James Newton Howard

Produzione:

 

Section Eight / Castle Rock Entertainment / Mirage Enterprises / Samuels Media

Distribuzione:

 

Medusa

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................