La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Sztuczki - Tricks

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2007
Giornate degli Autori

..............................



Sztuczki - Tricks

(Sztuczki)

Film del: 2007     Genere: Drammatico
Durata: 95 minuti   


Stratagemmi e coincidenze condurranno alla fine il padre sulla soglia di casa della madre di Stefek ma le cose non andranno nel verso giusto.


Trama:

Stefek, sei anni, sfida il destino. E' convinto che la catena di eventi messa in moto da lui lo aiuterà ad avvicinarsi a suo padre che lo ha lasciato quando ha abbandonato anche sua madre.
Sua sorella Elka, diciassettenne, lo aiuta ad imparare a “corrompere” il destino attraverso piccole rinunce.
Stratagemmi e coincidenze condurranno alla fine il padre sulla soglia di casa della madre di Stefek ma le cose non andranno nel verso giusto. Disperato Stefek tenterà la sorte con la più rischiosa delle sfide.



Vota il film!

Voto medio: 5,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Sztuczki - Tricks

Secondo l’antropologia culturale il rituale magico ha tratti marcatamente diversi rispetto alla preghiera al dio. Quest’ultima è infatti una richiesta che può essere esaudita o ignorata secondo la discrezionalità dell’entità cui essa viene rivolta. Il rituale magico è invece un atto di coercizione nei confronti dell’essere o dell’elemento che il richiedente vuole propiziarsi per ottenere vantaggi diretti, contingenti e personali.

Sono questi i “trucchetti”, gli artifici di cui parla Sztuczki lungometraggio d’esordio del regista polacco Jakimowski. Ambientato nella città di Walbrzych, questo film racconta una parte significativa dell’infanzia di Stefek, ragazzino con una madre sempre al lavoro nel piccolo negozio di famiglia e accudito da una sorella maggiore che studia italiano e sogna un avvenire migliore in una grande azienda internazionale. Stefek non ha mai conosciuto il padre eppure ha capito che un certo uomo con una valigia in mano che passa tutti i giorni per la stazione ferroviaria ha un aspetto estremamente familiare. Ed è qui che entrano in gioco i piccoli rituali che danno il titolo al film, dei piccoli modi ingenui di fare virare la sorte a proprio favore, grazie a piccoli sacrifici propiziatori.

Il regista Andrzej Jakimowski grazie ad alcuni elementi ben riconoscibili (i piccioni, i soldatini guardiani, le monetine gettate sui binari) costruisce una pellicola basata sul concetto di ritorno, sul legame a ciò che è familiare e quasi codificato nel proprio patrimonio genetico. La magia ovviamente non può risolvere i problemi di tutti i personaggi le cui microvicende vengono tratteggiate con grazia e leggerezza, ma forse può far avverare il sogno più segreto di Stefek. Il particolare pregio di Sztuczki consiste nell’assenza di sentimentalismo e pateticità gratuiti, soprattutto grazie al punto di vista di Stefek. Il bimbo infatti prende estremamente sul serio i suoi “incantesimi”, eseguendo tutte le azioni connesse alla loro esecuzione con estrema serietà e con la consequenzialità causa-effetto con cui uno scienziato si accosta ai propri esperimenti. Gran parte della bellezza di questo lavoro tenero e lievemente sognante è proprio dovuta alla bravura del protagonista Damian Ul, che come molti bambini vive il lavoro dell’attore con la serietà di un gioco (e quindi con grande professionalità). Divertenti le parti in italiano, che riflettono in maniera fin troppo realistica i sogni che molti polacchi ancora ripongono nel nostro paese e nel fascino della nostra lingua.

(Mauro Corso)



Cast

    Damian Ul

... Stefek

    Ewelina Walendziak

... Elka

    Rafael Guzniczak

... Jerzy

    Tomasz Sapryk
(41 anni circa in questo film)

... Il padre

Dati Tecnici

Nazione

 

Polonia

Regia

 

Andrzej Jakimowski

Sceneggiatura

 

Andrzej Jakimowski

Fotografia:

 

Adam Bajerski

Produzione:

 

Zjednoczenie Artystów / Rzemieœlników

Distribuzione:

 

non distribuito

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................