La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Le Ragioni dell'Aragosta

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2007
Giornate degli Autori

..............................



Le Ragioni dell'Aragosta

(Le ragioni dell'aragosta)

Film del: 2007     Genere: Comico
Durata: 100 minuti   Uscito al cinema il: 07/09/2007   


come poter sviluppare un film satirico se non con un lavoro di sorprendente originalità?


Trama:

Gli attori di Avanzi (programma satirico cult degli anni '90) si ritrovano dopo 15 anni in un piccolo villaggio della Sardegna, Su Pallosu.
Hanno deciso in modo piuttosto estemporaneo di mettere su uno spettacolo a sostegno della causa dei pescatori in gravi difficoltà per lo spopolamento del mare.
Tra i pescatori c’è un certo Gianni Usai, ex operaio alla Fiat ed ex sindacalista, un uomo che ha vissuto da giusto, sempre povero, sempre dedito a proteggere il lavoro dei suoi compagni.
La sua presenza è di grande ispirazione e genera l’entusiasmo sufficiente a partire, ma quello stesso entusiasmo scema rapidamente e lascia spazio a dubbi di ogni sorta.
Gli attori hanno a disposizione un grandissimo anfiteatro a Cagliari che si riempie subito. La tensione sale alle stelle.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Le Ragioni dell'Aragosta

Inevitabile pensare alla satira quando sulla locandina di un film si legge il nome di Sabina Guzzanti. Inevitabile entrare in sala e aspettarsi della comicità  costruttiva, perchè aldilà degli ideali, lo scopo del genere è far riflettere su determinati problemi. Insomma, per dirla alla Luttazzi: "E' un punto di vista e un pò di memoria".

Quello che la Guzzanti e la sua gang mettono in mostra è un'opera senza dubbio sui generis; ma del resto, come poter sviluppare un film satirico se non con un lavoro di sorprendente originalità?
E qui tale autenticità  consiste nel creare una connessione tra la comicità  e la riflessione; servendosi naturalmente di un'arma vincente, quale la ricorrente voce narrante della stessa Sabina, che con appropriati commenti sulla cronologia degli eventi e con determinate affermazioni, garantisce un'alta qualità  riflessiva, che non rischia più, come in uno show, di essere soverchiata dal clamore di una risata, ma lascia che il messaggio passi attraverso comunicazioni dirette e non necessariamente costrette all'ilarità.

L'intero film è la falsa rappresentazione di uno spettacolo teatrale. L'arena sul quale esso si svolge è il mondo, gli spettatori sono coloro che lo abitano e che si limitano ad assistere a ciò che accade, senza obiettare, e rimanendo passivi. Gli attori sono quelli che hanno il compito di provare a cambiare questa realtà. Come? Attraverso i loro messaggi, nel fondamentale spazio che esiste tra la risata e il pensiero, adottato qui in forma incalzante.

Ma non è cosa semplice. Se l'intera umanità  non si preoccupa neppure di mettere in discussione le proprie opinioni e convinzioni, perchè mai dovrebbe riuscirci un gruppo ristretto di persone? E perchè i loro ideali dovrebbero essere migliori degli altri?
Tale film vuole dimostrare proprio la difficoltà  di aggregazione, di far collimare le opinioni della gente, di creare un progetto valido, di avere fiducia in se stessi e negli altri.
Se una soluzione c'è, probabilmente non ci è dovuto saperlo; tutto quello che possiamo fare è provare a superare la paura di entrare in scena, e agire con la forza interiore, la convinzione delle proprie possibilità. Saliamo sul palco, e mettiamocela tutta.

(Tiziano Costantini)



Cast

Sabina Guzzanti   Sabina Guzzanti
(44 anni circa in questo film)

    Pierfrancesco Loche
(49 anni circa in questo film)

Francesca Reggiani   Francesca Reggiani

Cinzia Leone   Cinzia Leone
(48 anni circa in questo film)

Antonello Fassari   Antonello Fassari
(55 anni circa in questo film)

Stefano Masciarelli   Stefano Masciarelli
(49 anni circa in questo film)

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Sabina Guzzanti

Sceneggiatura

 

Sabina Guzzanti

Fotografia:

 

Caroline Champetier

Colonna Sonora

 

Riccardo Giagni

Produzione:

 

Ambra Fandango / Secol Superbo e Sciocco

Distribuzione:

 

Istituto Luce

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................