La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Grindhouse - A Prova di Morte

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................

..............................
SITO UFFICIALE 2
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival di Cannes 2007
Film in Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




31/05/2007
Le uscite del fine settimana. Non solo Tarantino.

..............................

Grindhouse - A Prova di Morte

(Grindhouse - Death Proof)

Film del: 2007     Genere: Grottesco / Horror
Durata: 110 minuti   Uscito al cinema il: 01/06/2007   


...il film che ne esce fuori è più tarantiniano che mai.


Trama:

Mentre un gruppo di ragazze passa le serate nei locali di Austin, un killer psicopatico, Stuntman Mike, si diverte a uccidere le sue vittime a bordo di una Chevrolet Nova.



Vota il film!

Voto medio: 5,33

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Grindhouse - A Prova di Morte

Tarantino, quasi epigono di se stesso, si riproduce clonandosi questa volta nell’acqua sporca di una luce che non risparmia neanche le smagliature delle affascinanti ragazze le cui cosce riprende con l’impudicizia di un vecchio voyeur. E’ lui, questa volta, anche fotografo, oltre che autore, regista e produttore, e il film che ne esce fuori è più tarantiniano che mai.

Un marchio di fabbrica le cui peculiarità si colgono sin dai titoli di testa, sin dalla colonna sonora che ci riporta al cinema di quarant’anni fa, quando i colori sfregiavano le pellicole come acidi corrosivi. E con Grindhouse – A prova di morte Tarantino assieme al sodale Rodriguez pone in essere un’operazione tanto artificiosa quanto accattivante: quella di riprodurre i vecchi film anni ’70 che in America spesso venivano proiettati in coppia nelle sale cinematografiche. Scelta che ha portato la produzione negli USA a partorire un mostro di oltre tre ore (il film di Tarantino assieme al film di Rodriguez Il Pianeta del terrore che vedremo prossimamente, intervallati da tre finti trailers girati da Eli Roth, Rob Zombie e Edgar Wright che chissà quando e se vedremo). Due film che invece in Italia usciranno separati. Operazione, come detto, artificiosa fino al fastidio (il film è volutamente rovinato con evidenti graffi, le inquadrature simulano il salto della pellicola, i dialoghi, meravigliosamente futili, sono sciorinati con campi e controcampi da voltastomaco), ma che si salva grazie all’atmosfera semi seria che permea tutta l’opera.

Quello di Tarantino ha tutta l’aria di essere un trastullo più che un’operazione seriosamente culturale, e se questo è il registro è facile perdonargli anche l’artificio più specioso. Ma, il talento, non si riesce a comprimerlo in rigide coordinate stilistiche. Ne è la prova la seconda parte del film che inizia come Le iene, una interminabile discussione intorno ad un tavolo di un bar realizzata con una lunga unica ripresa che avvolge i quattro personaggi e finisce come Kill Bill, violenza e adrenalina in nome della vendetta.

I personaggi sembrano tutti usciti da luride tavole di qualche fumetto da locanda da barbiere. I loro nomi (Stuntman Mike, Jungle Julia, Abernathy solo per citarne alcuni), i loro comportamenti, le loro parole tradiscono sempre la gaia scanzonatezza, quasi cialtronesca, di chi li ha partoriti. Ed in questa atmosfera anche attori di tutt’altro registro ed esperienze come Kurt Russel si trasformano in inverosimili maschere sprigionanti ora romanticismo di marmellata ora esibendosi in agghiaccianti risatine da serial killer di provincia. Attorno a lui un’orda di ragazze tutte belle e sexy e tutte volte ad affrontare la vita – e la morte – con la leggerezza di chi deve scegliere il colore di un paio di scarpe. Donne, però, che come “la sposa” di Kill Bill (che peraltro Tarantino autocita facendo squillare il telefonino di una di loro con un motivetto presente nel film), sono pronte a schiantare (nel vero senso della parola) il genere maschile non appena gli si presenta l’occasione.

(Daniele Sesti)



Curiosità:

I Grindhouse erano sale cinematografiche che proiettavano i film accoppiandoli tra di loro per generi.

Zoe Bell, apprezzata controfigura, interpreta se stessa nel ruolo, per l'appunto, di una stuntman.



FILM CORRELATI:

  • (2007) Grindhouse - Planet Terror

  • Cast

    Kurt Russell   Kurt Russell
    (56 anni circa in questo film)

    ... Stuntman Mike

    Sydney Tamiia Poitier   Sydney Tamiia Poitier
    (34 anni circa in questo film)

    ... Jungle Julia

    Marcy Harriell   Marcy Harriell

    ... Marcy

    Olja Hrustic   Olja Hrustic

    ... Werewolf Woman

    Zoe Bell   Zoe Bell
    (29 anni circa in questo film)

    ... Zoe

    Vanessa Ferlito   Vanessa Ferlito
    (27 anni circa in questo film)

    ... Arlene/

    Rosario Dawson   Rosario Dawson
    (28 anni circa in questo film)

    ... Abernathy

    Rose McGowan   Rose McGowan
    (34 anni circa in questo film)

    ... Pam

    Monica Staggs   Monica Staggs

    ... Lanna Frank

    Tim Robbins   Tim Robbins
    (49 anni circa in questo film)

    ... Soldato 1

    Tracie Thoms   Tracie Thoms
    (32 anni circa in questo film)

    ... Kim

    Jordan Ladd   Jordan Ladd
    (32 anni circa in questo film)

    ... Shanna

    Lorielle New   Lorielle New

    ... Werewolf Woman

    Shannon Hazlett   Shannon Hazlett
    (27 anni circa in questo film)

    ... Butterfly Foot Double

    Freddy Rodríguez   Freddy Rodríguez
    (32 anni circa in questo film)

    ... El Wray

    Michael Parks   Michael Parks
    (69 anni circa in questo film)

    ... Earl McGraw

    Mary Elizabeth Winstead   Mary Elizabeth Winstead
    (23 anni circa in questo film)

    ... Lee

        Melissa Arcaro

    ... Venus Envy

    Will Arnett   Will Arnett

    ... Annunciatore

        Omar Doom

    ... Nate

    Meriah Nelson   Meriah Nelson

    ... Meriah Nelson

    Stacy Ferguson   Stacy Ferguson
    (32 anni circa in questo film)

    ... Tammy

        Marta Mendoza

    ... Punky Bruiser

    Home Video

    Anno di uscita in home video: 2007

    Distribuzione: Medusa

    Formati audio: Dolby Digital 5.1

    Formati video: Wide Screen / 2.35 : 1

    Dati Tecnici

    Nazione

     

    USA

    Regia

     

    Quentin Tarantino

    Sceneggiatura

     

    Quentin Tarantino

    Fotografia:

     

    Milan Chadima / Phil Parmet

    Colonna Sonora

     

    David Arnold / Nathan Barr / Tyler Bates / Graeme Revell / Carl Thiel

    Produzione:

     

    Dimension Films / A Band Apart / Troublemaker Studios / The Weinstein Company

    Distribuzione:

     

    Medusa

    Distribuzione Home video:

     

    Medusa

    ...............................................
    GALLERIA FOTOGRAFICA
    ...............................................





    ..............................

    scrivi la tua opinione

    ..............................