La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

L'Ultimo Inquisitore

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




12/04/2007
Le uscite del fine settimana. Storia, commedie ed attualità.

..............................

L'Ultimo Inquisitore

(Goya's Ghosts)

Film del: 2006     Genere: Drammatico
Durata: 114 minuti   Uscito al cinema il: 13/04/2007   


Il regista ceco questa volta mette in schermo l’ottusità della Storia e dei suoi regimi che soffocano la ragione storica e ogni altra ragione


Trama:

Francisco Goya, primo pittore alla corte di Re Carlo III, fissa sulla tela e sulle tavole di acquatinta la Storia di Spagna: quella dell’Inquisizione, dell’invasione napoleonica e della restaurazione della Monarchia Spagnola. Ad agire nella Storia sono Padre Lorenzo, funzionario dell’Inquisizione, e Ines, la giovane musa di Goya accusata di eresia. I rovesciamenti politici li sorprenderanno amanti, avversi e ancora e per sempre amanti.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: L'Ultimo Inquisitore

L’Ultimo Inquisitore non è un film biografico. Il titolo italiano questa volta traduce bene le intenzioni di Milos Forman: non un film su Goya ma sulla Spagna assolutista e oppressiva di Goya. Un’epoca compresa tra la fine del XVIII secolo e l’inizio del XIX, quando l’Inquisizione spagnola “garantiva” al Paese la pace sociale e religiosa, “confortando” la fede e la morale del popolo cristiano. Il protagonista è allora l’inquisitore del titolo, l’uomo sulla soglia della fine di un mondo, quello dei tribunali inquisitori spazzati via dall’Illuminismo, dalla propaganda liberale, dall’invasione napoleonica e dalla conseguente laicizzazione delle monarchie.

Il punto di osservazione non è quello di Goya, ma quello di una presunta eretica e di un padre dell’Inquisizione che diventa inquisito. L’artista, sospeso tra ambizioni da cortigiano e indipendenza artistica, fissa la storia moderna nei suoi disegni satirici, negli affreschi e nei ritratti che esprimono un dissenso feroce nei confronti di una Spagna conservatrice e colpevole. Le tavole di acquatinta che avviano il film, fantasmi che danzano, mariti che battono le consorti, monaci che si abbuffano e compiono oscenità, graffiano la storia rivelando impietosamente le sue miserie. L’accanimento di Goya contro l’Inquisizione e la stregoneria, il suo ostinato disobbedire non gli alienano però le simpatie del clero, mite e liberale nel valutare le grandi imprese culturali. Al contrario di quanto accadeva al Mozart di Amadeus, Forman non oppone l’uomo all’istituzione, i cattivi non sono coloro che osteggiano il genio, come l’invidioso Salieri o il suo pedestre regnante. La genialità di Goya è riconosciuta e stimata sotto la monarchia spagnola, sotto il giogo napoleonico e sotto la restaurazione voluta dagli inglesi e guidata da Wellington.

Il regista ceco questa volta mette in schermo l’ottusità della Storia e dei suoi regimi che soffocano la ragione storica e ogni altra ragione. Così com’è accaduto, in un altro tempo ma allo stesso modo, nella sua Cecoslovacchia (società democratica, nazista, comunista e di nuovo democratica), i tribunali inquisitori vengono sostituiti dalle corti civili francesi e poi inglesi e poi ancora spagnole, senza smettere di discriminare, torturare e assassinare. Forman affrontando l’Inquisizione spagnola mette a fuoco la questione ebraica in Spagna, drammatizzata dalla Ines di Natalie Portman, appartenente a una famiglia di conversos (ebrei convertiti al cristianesimo) e accusata di praticare pubblicamente riti giudaici. Sono le persone a impressionare la pellicola di Forman e la tela di Goya: re, regine, cortigiani, inquisitori, popolani, rurali, dame e prostitute, che continuano a farsi beffa dei vizi e delle superstizioni, delle ipocrisie e di una giustizia che pretese di educarli.

(Marzia Gandolfi)



Cast

Stellan Skarsgård   Stellan Skarsgård
(55 anni circa in questo film)

... Goya

Natalie Portman   Natalie Portman
(25 anni circa in questo film)

... In?s / Alicia

Javier Bardem   Javier Bardem
(37 anni circa in questo film)

... fratello Lorenzo

Randy Quaid   Randy Quaid
(56 anni circa in questo film)

... re Carlos IV

Blanca Portillo   Blanca Portillo
(43 anni circa in questo film)

... regina Mar?a Luisa

Michael Lonsdale   Michael Lonsdale
(75 anni circa in questo film)

... padre Gregorio

    José Luis Gómez
(66 anni circa in questo film)

... Tom?s Bilbat?a

    Mabel Rivera

... Mar?a Isabel Bilbat?a

    Craig Stevenson

... Napoleone

Dati Tecnici

Nazione

 

Spagna

Regia

 

Milos Forman

Sceneggiatura

 

Milos Forman / Jean-Claude Carrière

Fotografia:

 

Javier Aguirresarobe

Colonna Sonora

 

José Nieto / Varhan Orchestrovich Bauer

Produzione:

 

Kanzaman / Xuxa Produções / The Saul Zaentz Company

Distribuzione:

 

Medusa

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................