La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Maradona la Mano de Dios

..............................
ARTICOLI CORRELATI




23/03/2007
Cinema e calcio, un amore difficile


26/03/2007
Maradona: "Un ragazzo fuori che ce l'ha fatta"

..............................

Maradona la Mano de Dios

(Maradona la Mano de D10s)

Film del: 2007     Genere: Biografico / Sportivo
Durata: 100 minuti   Uscito al cinema il: 30/03/2007   


Marco Leonardi riesce a restituire quella sorta di innocenza apparentemente perduta eppure covante dietro gli occhi e lo sguardo perduto per l?ennesima "tirata"


Trama:

Diego gioca con l'Argentinos Junior, con il Boca e con la Selezione Argentina vince i mondiali Under 17. Poi parte. Attraversa l'oceano e raggiunge Barcellona. Poi Napoli. E qui diventa il re, anzi, O re.



Vota il film!

Voto medio: 4,17

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Maradona la Mano de Dios

E? difficile esimersi dall?esprimere un giudizio su personaggi controversi che tanto hanno suscitato, e ancora suscitano, sentimenti forti e contrastanti, dalla forte e originale personalit?, quando se ne raccontano le gesta, quando si mettono in scena le vicende della sua vita. E? quello che accade a Marco Risi con il suo film su Diego Armando Maradona. Regista dal forte impegno civile (Mery per sempre, Il Muro di Gomma, solo per citare alcuni titoli della sua filmografia), esempio di artista che non si piega alle a volta aberranti logiche produttive (ride sincero del suo L?ultimo Capodanno a tutti gli effetti un flop), non riesce per? a non subire il fascino del campione facendosi sedurre, anche lui, dalla finta ubriacante e dal sorriso innocente di chi ha avuto una catapecchia di lamiera come prima casa. Ed in questo contesto, al campione gli si perdona tutto: la cocaina sniffata per la prima volta dalle lisce cosce di una bionda mozzafiato (tanto per rimanere nel regno dei luoghi comuni), un figlio mai riconosciuto e soprattutto quella ?mano de Dios?, addirittura definita ?un gesto poetico?, utilizzata contro gli odiati inglesi per segnare un gol a tutti gli effetti irregolare e mostrata al mondo intero come un colossale ed imperituro gesto dell?ombrello. ?E? stato come rubare ai ladri? si giustifica ancora oggi El Pibe de Oro. E questo in barba a qualsiasi principio di lealt? sportiva....

Il ritratto che ne esce, dunque, ? quello di un uomo rimasto bambino di un sobborgo povero e squallido, tanto incapace di gestire la sua vita quanto geniale e intelligente a tirare calci ad un pallone. E non ? un caso, se le cose migliori del film sono proprio le immagini di repertorio in cui si ammirano le gesta del calciatore Maradona che Risi ha la bravura di miscelare sapientemente con quelle del dramma che racconta. Splendide per chi ama questo sport, le sequenze di Dieguito con la maglia del Napoli, sottolineate dalla canzone ?Je so? pazzo? di Pino Daniele: un connubio di immagini e suoni davvero emozionante. Ed ? proprio la parte dell?esperienza napoletana di Maradona quella pi? convincente del film a dispetto di un inizio faticoso e troppo scontato nei suoi sviluppi (Diego bambino, gli amici, i primi allenatori, le iniziali perplessit? della famiglia). Maradona arriva a Napoli e si percepisce l?esaltazione di una citt? impazzita che vede nel giocatore argentino ? sale le scale del San Paolo come Il Gladiatore entrava nel Colosseo - un?occasione di riscatto, anche loro pronti a perdonagli tutto anzi, addirittura a risarcirlo di qualsivoglia torto subito. Una citt? di cui anche la parte pi? marcia seppe cogliere le grandi opportunit? fornite da un cavallo di razza come Diego Armando.

A dare corpo e faccia al Pibe ? Marco Leonardi, tra l?altro ex calciatore di belle speranze (curiosamente aveva gi? lavorato in Ultimo Minuto di Pupi Avati, un altro film che parla di calcio). Difficile prova la sua ma tutto sommato superata: dell?asso argentino riesce a restituire quella sorta di innocenza apparentemente perduta eppure covante dietro gli occhi neri e lo sguardo perduto per l?ennesima ?tirata?. Accanto a lui ? brava Julieta Diaz nei panni di Claudia, la moglie alla quale Risi destina un ruolo importante e fondamentale che a tutt?oggi le cronache ci dicono che ancora abbia nella vita ?che non potr? mai essere normale?, come da lei stessa dichiarato, dell?ex marito Diego Armando Maradona.

(Daniele Sesti)



Cast

Marco Leonardi   Marco Leonardi
(36 anni circa in questo film)

... Diego Armando Maradona

Julieta D?az   Julieta D?az
(30 anni circa in questo film)

... Angela Maradona

    Pietro Taricone
(32 anni circa in questo film)

... Gianni

    Juan Leyrado
(55 anni circa in questo film)

... Coppola

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia / Argentina

Regia

 

Marco Risi

Sceneggiatura

 

Marco Risi

Fotografia:

 

Marco Onorato

Colonna Sonora

 

Aldo De Scalzi / Pivio

Produzione:

 

Comedy Film / RAI Cinema

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................