La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Anno Uno

Anno Uno

(Anno Uno)

Film del: 1974     Genere: Biografico
Durata: 125 minuti   



Trama:

La rappresentazione storica della vita politica di Alcide De Gasperi. L’universo politico visto in una particolare ottica.



Vota il film!

Voto medio: 3,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Anno Uno

Il ritorno al cinema per Rossellini rappresenta un vero e proprio disastro sia sul piano commerciale che su quello della critica. Anno Uno, infatti, è un film che parla esplicitamente di politica, riuscendo comunque a scontentare tutti, dai comunisti ai socialisti passando per i democratici.
A primeggiare è la finzione scenica; risulta fin troppo evidente che il protagonista, indossa una parrucca, ed un fatto è assolutamente voluto per far si che non si pensi che questi sia De Gasperi, ma soltanto un uomo che finge di esserlo.
Ma non è il solo punto a cui far riferimento. Infatti in una delle prime scene vi è una strada di Roma, ma una parte del fondale è dipinto. Rossellini non si preoccupa di nascondere questo effetto, che si vede fin troppo chiaramente, come per sottolineare la falsità di ciò che viene rappresentato.

Il film si svolge in un ampio arco di tempo sottolineato dai dialoghi dei personaggi piuttosto che da seganli esterni, questo rende piuttosto difficile seguire il filo temporale trattandosi di un’opera incentrata su dialoghi in esclusivi termini politici, che di certo non trascinano lo spettatore.
Al tema centrale si sovrappongo altre due situazioni, quella di un giovane disertore che si nasconde con la fidanzata a casa di un’amica, e poi le scene ripetute all’interno di un caffè, dove un gruppo di persone si ritrova assieme per esprimere le proprie opinioni.

Le due storie nel finale si incrociano, ma tutto ciò è di così basso richiamo che non suscita alcun interesse nello spettatore.
In definitiva, non è così chiaro il messaggio che il regista ci vuole inviare; il perché di tale esasperata finzione. Nel caso in cui fosse una critica nei confronti del nuovo universo cinematografico che si stava affermando, il suo intento non risulta così evidente come forse avrebbe dovuto essere; in caso contrario è comunque un insuccesso.

Sicuramente alla fine degli anni ’60 il cinema sta cambiando, ormai molti hanno la televisione e si inizia a disertare le sale, ma soprattutto il pubblico comincia a distinguere cosa vedere; ovviamente realizzare un film di questo genere, non può recare coinvolgimento di alcun tipo.

(Tiziano Costantini)



Cast

Luigi Vannucchi   Luigi Vannucchi
(44 anni circa in questo film)

... Alcide De Gasperi

    Dominique Darel
(24 anni circa in questo film)

... Romana De Gasperi

    Valeria Sabel

... Francesca De Gasperi

    Rita Forzano

... Lucia De Gasperi

    Ennio Balbo
(52 anni circa in questo film)

... Nenni

    Tino Bianchi
(69 anni circa in questo film)

... Togliatti

    Franco Ferrari

... Ruini

    Nicola Morelli

... Badoglio

    Francesco Di Federico

... Saragat

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Roberto Rossellini

Sceneggiatura

 

Roberto Rossellini / Marcella Mariani

Fotografia:

 

Mario Montuori

Colonna Sonora

 

Mario Nascimbene

Produzione:

 

Rusconi

Distribuzione:

 

Istituto Luce

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................