La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Sipur Hatzi-Russi

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Alice nella Citt

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




04/10/2006
Sabato 14 ottobre


05/10/2006
Martedì 17 ottobre


05/10/2006
Mercoledì 18 ottobre


05/10/2006
Giovedì 19 ottobre

..............................

Sipur Hatzi-Russi

(Sipur Hatzi-Russi)

Film del: 2006     Genere: Drammatico / Famiglia
Durata: 90 minuti   



Trama:

Chen è un ragazzo che vive un forte conflitto, combattuto fra la cultura della madre, una donna russa, e quella del padre, israeliano



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Sipur Hatzi-Russi

Il cemento sta per inghiottire l’ultimo spicchio di sabbia della cittadina israeliana da cui tutti sognano di fuggire via. Difficile affrontare la vita in solitaria in mezzo a tanta desolazione, meglio cercare qualcuno con cui condividere paure, ansie, delusioni; cassa di risonanza per le poche gioie lungo la strada.

Un film sul rapporto di coppia, sulle bugie ed il gioco di finzione che la vita e l’arte mettono in scena. Mentre il mondo degli adulti è ormai assuefatto alla mancanza di verità, il giovane Chen guarda con occhi puri un’esistenza che ha ancora tutto da offrirgli, puntando la telecamera dritta su questo universo di “grandi” da scoprire. Sullo sfondo, sempre chiamato in causa, il difficile rapporto di convivenza fra i numerosi russi immigrati e gli israeliani, dipinto con molta delicatezza dal regista Eitan Anner, per la prima volta anche sceneggiatore.

Il ballo è l’arte che svela i segreti del rapporto tra un uomo e una donna. Se il valzer è corteggiamento, la rumba è amore passionale; per aprire le danze basta solo accettare le regole e riconoscere la finzione del gioco. Non c’è spazio in pista per chi, caparbiamente e senza compromessi, insegue un rapporto sincero. Solo i piccoli possono infrangere queste regole perché se il ballo non ha età, una coppia di bambini è una coppia a tutti gli effetti, a cui non è possibile proibire l’amore una volta insegnati i passi. Da una parte gli adulti occupati nelle loro faccende, dall’altra i piccoli, inermi davanti alla complessità di un mondo che non capiscono, alle prese con genitori più immaturi di loro ed insegnanti che hanno tutto da imparare dagli allievi.

In questo scenario Chen incarna un principe azzurro in miniatura che soccorre tutte le donne di questa dolce storia con una buona parola, una speranza da offrire, o una domanda sincera a cui non è facile trovare risposta, che assomiglia più ad un dono della provvidenza. La scena finale del film è decisamente la più significativa: Chen si innamora della sua compagna mentre balla con lei; la finzione si trasforma in realtà e chi se ne accorge non può più reprimere il desiderio di stravolgere le regole proprio in quel mondo di adulti apparentemente troppo duro per essere scalfito.

(Andrea Monti)



Cast

    Avi Kushnir

... Rami

    Jenya Dodina

... Yulia

    Kirill Safonov

... Roman

    Oksana Korostyshevskaya

... Lena

    Vladimir Volov

... Chen

Dati Tecnici

Nazione

 

Israele

Regia

 

Eitan Anner

Sceneggiatura

 

Eitan Anner

Fotografia:

 

Itzik Portal

Colonna Sonora

 

Jonathan Bar-Giora

Produzione:

 

July August Productions/Bleiberg Entertainment





..............................

scrivi la tua opinione

..............................