La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Vitus

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Alice nella Citt

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




05/10/2006
Giovedì 19 ottobre


06/10/2006
Venerdì 20 ottobre


Vitus 25/01/2007
E' Vitus il miglior film svizzero

..............................

Vitus

(Vitus)

Film del: 2006     Genere: Bambini / Famiglia
Durata: 120 minuti   



Trama:

Vitus è un ragazzo che sembra provenire da un altro pianeta: ha un udito da pipistrello, suona il piano come un concertista e studia le enciclopedie dall'età di cinque anni.



Vota il film!

Voto medio: 4,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Vitus

Accade in un film svizzero che un piccolo genio salvi dal collasso economico una famiglia grazie a speculazioni in borsa. Questa sua attività passa quasi inosservata se non positivamente accettata nell’economia del racconto. Alla fine il nonno è salvo, il padre diventa il proprietario dell’azienda dalla quale era stato appena licenziato e la madre corona finalmente il sogno di avere un geniale pianista in famiglia.

Ci si chiede cos’altro potrebbe ancora superare le aspettative dei protagonisti. Tutti i desideri sono stati realizzati, tutti i sogni più che coronati. Il motto che il giovane eredita dall’amato nonno “quando non sai prendere una decisione devi liberarti di qualcosa che ami” si perde senza rimpianto tra l’inquadratura di un simulatore di volo e le chiavi di un appartamento lussuoso lasciate nelle mani di un ragazzino. I bambini in sala reagiscono molto bene, battono le mani davanti a tre scene finali e sempre con la convinzione di applaudire l’epilogo più felice; anche le loro aspettative sono superate da un eccesso di lieti finali.

L’idea di approfondire il disagio di un bambino troppo intelligente per il mondo in cui vive, è sicuramente adatta anche ad un pubblico di giovanissimi. Che poi l’eroe di otto anni indossi giacca e cravatta, si faccia chiamare signor Wolf e muova capitali finanziari, riuscendo nel frattempo a conquistare la donna della sua vita che lo raggiunge sul palco quando è già un pianista affermato, è un eccesso di buonismo del regista. La fantasia dello spettatore, in primis quella dei bambini, per quanto illimitata non spicca il volo se la storia non poggia sulla verità. Questo film è freddo perché l’affetto che si scambiano i personaggi non è in vendita, ma può essere comprato. Il bambino non è affatto migliore dei suoi genitori e solo apparentemente prende in mano la propria vita ribellandosi alla loro volontà, in realtà la sua efficienza e l’adattamento seguiti al primo disagio infantile di essere un genio, ne fanno un consumista più conformista di loro.

(Valentina Vivarelli)



Cast

Bruno Ganz   Bruno Ganz
(65 anni circa in questo film)

... il Nonno

    Fabrizio Borsani

... Vitus a 6 anni

    Julika Jenkins

... la Madre

    Teo Gheorghiu

... Vitus a 12 anni

    Urs Jucker

... il Padre

Dati Tecnici

Nazione

 

Svizzera

Sceneggiatura

 

Fredi M. Murer / Lukas B. Suter

Fotografia:

 

Pio Corradi

Colonna Sonora

 

Mario Beretta

Produzione:

 

Vitusfilm GmbH

Vitus



..............................

scrivi la tua opinione

..............................