La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Ritratto di Sconosciuto - Marcellus Dominicus Vincentius

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Extra

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




04/10/2006
Sabato 14 ottobre

..............................

Ritratto di Sconosciuto - Marcellus Dominicus Vincentius

(Ritratto di sconosciuto - Marcellus Dominicus Vincentius)

Film del: 2006     Genere: Documentario
Durata: 38 minuti   



Trama:

Barbara e Chiara, figlie di Marcello Mastroianni, in una casa di campagna che è soprattutto un luogo di memoria intima e privata, ricordano il padre a dieci anni dalla scomparsa.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Ritratto di Sconosciuto - Marcellus Dominicus Vincentius

La voce di Mastroianni, all’inizio del film, dice di voler viaggiare, girare il mondo, conoscere donne di ogni nazionalità, avere figli bianchi, rossi, gialli. Di quest’aspirazione qualcosa è rimasto in Barbara e Chiara, nate da madri diverse, patrie e lingue differenti, molti anni di distanza fra loro. Si ritrovano nella grande casa di Torre di Lucca per parlare del padre davanti ad una macchina da presa discreta, che le segue tra foto, lettere scritte durante la guerra, ricordi comuni. Hanno un’immagine diversa di Marcello: l’una l’ha conosciuto giovane, più impegnato, vivace e assente; l’altra ne ha visto da vicino gli anni più maturi, riflessivi. Ma alcuni tratti rimangono costanti: le lunghe telefonate, ad esempio, o l’abilità ai fornelli.

Attraverso le parole delle figlie emerge il ritratto di un Mastroianni intimo e familiare, diverso da quello che è stato consegnato al pubblico. Lo vediamo bambino e poi ragazzo, ascoltiamo i ricordi del fratello sulle recite all’oratorio e sugli anni della guerra, con Marcello prima a Firenze, poi fra le montagne e infine in fuga a Venezia, sempre con la mente alla sua famiglia, preoccupato per la situazione difficile dei parenti rimasti a Roma. La carriera di attore emerge raramente, quasi sempre dalla voce dello stesso Mastroianni: frammenti in cui ricorda l’esordio con Gassman, a teatro, l’emozione fortissima la sera della prima, o le lettere in cui racconta alla madre le proposte di ingaggio.

Un documentario breve, poco meno di quaranta minuti, che ci fa indugiare sui dettagli di quelle vecchie foto di Marcello in famiglia o con gli amici, che ci fa spiare da una posizione privilegiata le chiacchierate di due sorelle così lontane che condividono il ricordo unico di un uomo come lui. Non l’immagine che ci si aspetterebbe dopo averlo conosciuto attraverso il suo lavoro: e in questo il titolo è emblematico. “Marcellus Dominicus Vincentius”, il nome con cui compare sull’atto di nascita, prima di diventare il Marcello Mastroianni “attore di fama mondiale” (dalla targa affissa sulla sua casa natale).

(Flaminia Festuccia)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Roberto Meddi / Gioia Magrini

Fotografia:

 

Roberto Meddi

Produzione:

 

Parus Film





..............................

scrivi la tua opinione

..............................