La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Mille Miglia... Lontano

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Extra

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




05/10/2006
Mercoledì 18 ottobre


06/10/2006
Venerdì 20 ottobre

..............................

Mille Miglia... Lontano

(Qian li zou dan qi)

Film del: 2005     Genere: Drammatico
Durata: 107 minuti   Uscito al cinema il: 17/11/2006   



Trama:

La toccante storia di un padre che, dopo tanti anni, cerca di riconciliarsi con il figlio, malato terminale di cancro, portandogli uno strano dono dal cuore della Cina.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Mille Miglia... Lontano

Mille Miglia… Lontano è un’antica danza cinese che narra le gesta del potente generale Guan Yi, il quale rifiutando titoli e ricchezze cavalca per migliaia di chilometri solo per aiutare un amico, diventando così un simbolo di lealtà.

Da questa storia di amicizia Zhang Yimou trae l’idea principale per la sua nuova opera, per l’appunto dal titolo Mille Miglia... Lontano. Dopo le vicende cavalleresche di Hero e La Foresta dei Pugnali Volanti il regista cinese ripone la spada nel fodero e torna al suo vecchio lavoro: quello di narratore di storie più intime e meno trascinanti sul piano spettacolare.

Film sulla solitudine e l’incomprensione, Mille Miglia... Lontano narra del viaggio che intraprende un genitore per ristabilire un contatto con il proprio figlio con cui non parla da anni, il quale ha pochi giorni di vita per un cancro al fegato.

Naturalmente la storia del film e quella dell'antico racconto camminano parallele: Takata, il padre, percorre miglia e miglia per aiutare in qualche modo il figlio così come il generale Guan Yi per soccorrere il suo amico. Ma le corde che vuole pizzicare Yimou non sono quelle della retorica e dell’amore familiare: padre e figlio durante la vicenda non si vedono mai, addirittura il ragazzo è completamente assente dalla scena, s’intuisce la sua voce solo all’inizio, attraverso una tenda in un ospedale asettico e semivuoto, come se fosse un sorta di fantasma del passato per il genitore.

Interpretato dal cosiddetto Clint Eastwood orientale: Takakura Ken, il personaggio di Takata indossa una maschera perenne, una copertura dai sentimenti esterni, dal contatto con le persone e dalla comprensione di esse. Naturalmente il viaggio che intraprende l’uomo lo porterà ad una più profonda conoscenza di sé, ma quello che scoprirà non sarà solo se stesso, ma anche il fatto che il figlio così lontano abbia lo stesso sentimento di solitudine, di alienazione verso il mondo esterno. Come un filo sottile che lo riconduce al ragazzo Takara si rende conto di come si somigliano e di quanto abbia perso non avendo più contatti con lui.

Riuscendo a dipingere questi sentimenti nascosti dietro maschere d’incomunicabilità Yimou dimostra di saper maneggiare ancora con un certo estro gli arnesi di un tempo, e questa volta non si tratta di pugnali e sciabole, anzi tutt’altro.

(Marco Massaccesi)



Cast

Ken Takakura   Ken Takakura
(74 anni circa in questo film)

... Takata Gou-ichi

    Kiichi Nakai
(44 anni circa in questo film)

... Takata Ken-ichi

    Shinobu Terajima
(33 anni circa in questo film)

... Takata Rie

    Jiang Wen

... Jasmine

Dati Tecnici

Nazione

 

Hong Kong / Cina / Giappone

Regia

 

Yimou Zhang

Produzione:

 

Beijing New Picture Film / Toho Company / Zhang Yimou Studio / Elite Group Entertainment

Distribuzione:

 

Mikado

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................