La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Renaissance

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Extra

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




05/10/2006
Mercoledì 18 ottobre


05/10/2006
Giovedì 19 ottobre


06/10/2006
Venerdì 20 ottobre

..............................

Renaissance

(Renaissance)

Film del: 2006     Genere: Animazione / Noir
Durata: 105 minuti   



Trama:

Noir d’animazione ambientato in un futuro da incubo. Parigi, 2054: una ragazza viene sequestrata. L'agente incaricato di seguire il caso scopre una città in preda alla criminalità e che il rapimento è legato a un misterioso "protocollo Reinassance".



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Renaissance

The Renaissance: un film che sembra una graphic novel di Frank Miller, un noir che eppure se ci si dovesse fermare all'apparenza, si direbbe che non ha nulla del noir. Si, perché si tratta di film girato in motion capture, l'ambientazione è futuristica e l'azione invece di essere sofferta è dinamica. Questo almeno in superficie, perché poi a vederlo, The renaissance, ci si accorge di come il regista francese Christian Volckman risolva le ipotetiche contraddizioni tra intenti e risultato con accorte scelte registiche.

Nonostante inseguimenti, sparatorie e i cambi di ambienti siano infiniti, il montaggio è quasi inutilizzato: le scene sono sempre fluide e continue: i personaggi sono oppressi nel proprio ambiente, non possono uscire dall'occhio che li guarda, vittime quindi di ciò che succede e non agenti. La scelta di utilizzare solo il bianco e il nero (tranne un paio di scarabocchi colorati) rende indefinite (ma già tendenti al negativo) le espressioni dei protagonisti, che quindi comunicano più che altro con il sonoro: non solo le parole che dicono, ma il tono delle stesse ad essere malinconico. Il ricordo corre ai noir anni '30 di Lang a partire da Metropolis. Da un punto di vista narrativo invece il punto di riferimento è Blade Runner: stavolta non Los Angeles, ma Parigi, ma al centro sempre il tema dell'immortalità (rappresentato da una donna) con un poliziotto non ancora a suo agio con logiche del futuro a cercare di fermare un processo che porterebbe al disfacimento dell'umanità.

Un film che potrebbe sembrare voglia sfruttare la scia del successo di Sin City, ma che in verità ha già sei anni di lavorazione e che comunque dal successo di Rodriguez se ne distanzia in uno dei suoi aspetti principali: la violenza. Mentre Sin City fa dell'esagerazione di sangue e morte un elemento visivo per descrivere il degrado di un ambiente basato sulla logica della sopravvivenza (il conflitto avviene verso il basso), in The renaissance il percorso è inverso: la morte arriva come unica soluzione per l'esasperata ricerca dell' “uomo” di essere eterno. Il contrasto avviene quindi in alto: non tutti possono essere immortali, il mondo non lo sosterrebbe.
Complicato in alcuni passaggi, data la velocità con cui vengono condensati ragionamenti ed avvenimenti, il film potrà annoiare chi si aspetta un film classico d'azione, mentre appassionerà chi dal cinema aspettava qualche novità. Questa lo è senz'altro, e di grande qualità

(Andrea D'Addio)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia / Regno Unito / Lussemburgo

Regia

 

Christian Volckman

Produzione:

 

Onyx Films

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................