La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Herbie Hancock: Possibilities

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Extra

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




05/10/2006
Lunedì 16 ottobre

..............................

Herbie Hancock: Possibilities

(Herbie Hancock: Possibilities)

Film del: 2006     Genere: Musicale
Durata: 90 minuti   



Trama:

Immagini dall'ultima tournee del celebre jazzista mescolate ad immagini inedite di sessions con Miles Davis e Wayne Shorter.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Herbie Hancock: Possibilities

La cronaca della realizzazione di un disco che è anche un po’ la storia di una vita, questo è il filo condutture del documentario di Doug Biro e Jon Fine su Herbie Hancock. Per chi non lo sapesse Hancock ha passato più di quarant’anni a portare innovazioni nell’ambito della musica jazz e non solo. Dagli esordi con Miles Davis (uno dei più grandi geni musicali del XX secolo), passando per le innovazioni elettroniche degli anni ottanta (i fan di Mister Fantasy ricorderanno sicuramente il video futuristico di “Rocket”), fino ad arrivare al suo nuovo progetto, questo “Possibilities”, frutto di collaborazioni tra artisti provenienti da mondi musicali diversi.

Ma se è affascinante la descrizione di questi incontri tra il “maestro” e i vari Carlos Santana, Damien Rice, Paul Simon, Brian Eno, Sting, Annie Lennox, persino Cristina Aguilera, solo per citare i più famosi è molto più appassionante la visione della vita che Herbie Hancock delinea. Un amore sviscerato per tutto ciò che è curiosità, contaminazione, scambio che in ogni artista dovrebbe essere ordinaria amministrazione e che invece non lo è quasi mai.

E poi c’è il bagaglio che uno si porta dietro: la musica che ognuno fa è lo specchio della vita che ognuno ha avuto, ed è per questo che Possibilities è anche un giro del mondo dove ognuno porta del suo, per creare qualcosa di completamente nuovo. E’ un mondo sempre in movimento, rivolto verso il futuro ma con un piede sempre ancorato al passato. Accanto ai nuovi amici di viaggio, c’è sempre il ricordo (Miles Davis) o la presenza viva (Wayne Shorter) dei vecchi amici, quelli con i quali si è imparato a vivere e a suonare.

Se non bastassero le parole fa un effetto straordinario anche soltanto vedere tutti questi geni (chi più e chi meno), specialmente nelle immagini d’archivio dove Miles Davis con il suo quintetto non solo suona ma crea davanti ad un pubblico. La stessa creazione che Herbie Hancock fa usando tanti frammenti di tradizioni diverse senza mai imporsi. E se nella vita come nella musica è importante la sensazione e la rappresentazione della gioia e pur vero che a fare da contraltare c’è sempre l’incombenza del dolore. Ed è per questo che il viaggio di questo documentario termina con le immagini di un concerto per onorare la memoria dei morti di Nagasaki e Hiroshima, vittime di una bestialità che in un attimo ha disintegrato milioni di vite umane che avevano i loro sogni. Gli stessi sogni che molte volte la musica racconta e che nessuno riuscirà mai a far morire.

(Renato Massaccesi)



Cast

    Annie Lennox

Brian Eno   Brian Eno
(58 anni circa in questo film)

    Carlos Santana
(59 anni circa in questo film)

Christina Aguilera   Christina Aguilera
(26 anni circa in questo film)

    Herbie Hancock
(66 anni circa in questo film)

Paul Simon   Paul Simon
(78 anni circa in questo film)

Sting   Sting
(55 anni circa in questo film)

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Doug Biro / Jon Fine

Fotografia:

 

Doug Biro / Jon Fine

Produzione:

 

HDNet Films International

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................