La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Checosamanca

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Extra

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




05/10/2006
Lunedì 16 ottobre


05/10/2006
Martedì 17 ottobre


05/10/2006
Martedì 17 ottobre


05/10/2006
Mercoledì 18 ottobre

..............................

Checosamanca

(Checosamanca)

Film del: 2006     Genere: Documentario
Durata: 100 minuti   



Trama:

Documentario collettivo, ritratto dell'Italia del tempo presente, dall'inquinamento prodotto dalle fabbriche del Nord-est ai contrabbandieri d'acqua del Salento.



Vota il film!

Voto medio: 5,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Checosamanca

Che cosa manca in questo paese di così importante per farlo diventare una solida democrazia? Che cosa manca per fa sì che gente comune quali casalinghe, pensionati, giovani madri e quant'altro possano vivere in maniera decente, senza il peso costante della mancanza di soldi, di un lavoro, di una sistemazione economica che gli permetta una condizione decente e senza restrizioni.

Dieci registi, italiani e non, innamorati del documentario come atto di denuncia, se lo domandano prorio nel film Checosamanca 1. Politica. Dettati da un forte rigore stilistico e dall'assoluta mancanza di una voce narrante, i cineasti viaggiano per il paese in lungo e largo, proponendo e proponendosi alle persone che incontrano nel loro cammino sempre la stessa domanda: Che cosa manca?

Dopo un piccolo prologo nel quale si segue un ragazzino che, con il suo motorino, arriva ad una discarica e ammucchiando poltrone rotte, televisori sfasciati e porte fatiscenti fa finta, dopo questo lungo lavoro di assemblaggio, di sedersi e leggere il giornale in questa finta casa, come una persona normale, i registi comincano la lunga serie di racconti.

Si aggancia così la storia di un presidio contro l'apertura di una fabbrica di zincaggio vicino Varese a quella di una sfrattata di Torino, costretta a rivolgersi ai cosidetti “Avvocati di strada”. I problemi sulla gestione dell'acqua a Juve Stabia si sovrappongono a quelli di due scienziati di Reggio Emilia, i quali stanno cercando da anni dei fondi per un nuovo microcospio che gli permetta di continuare delle ricerche sul pulviscolo cancerogeno nell'aria, e così via. L'unico collante che hanno queste persone disperate è, comunque, la voglia di lottare per qualocsa che gli dovrebbe appartenere: una società migliore.

Alla fine si capisce cosa manca in queste vite: un degno finale. Ogni segmento, per volere degli autori, si spezza inesorabile proprio quando ci si affeziona al personaggio. Come una sorta di tragitto mai terminato, questi uomini cercano tutt'ora un lieto fine alle loro storie, continuando a lottare fuori dalla sala, nel mondo reale.

Ma nel film il senso di mancanza non è ridotto solo a questo, quello di cui si avverte è proprio l'assenza di un paese, di una copertura, di uno stato. Riconducendosi all'inizio, come una sorta di circolo vizioso, risultano essere proprio le mura fantasma di quell'ipotetica casa a mancare. Mura che dovrebbero proteggere, ma in realtà ci lasciano soli, in balia del vento.

(Marco Massaccesi)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Chiara Bellosi / Marco Berrini / Enrico Cerasuolo / Francesco Cressati / Andrea D'Ambrosio / Sergio Fergnachino / Martina Parenti / Alice Rohrwacher / Andrea Segre / Nicola Zucchi

Fotografia:

 

Esmeralda Calabria

Produzione:

 

Eskimosa

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................