La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Black Gold

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Extra

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




05/10/2006
Domenica 15 ottobre


05/10/2006
Martedì 17 ottobre

..............................

Black Gold

(Black Gold)

Film del: 2006     Genere: Documentario
Durata: 78 minuti   



Trama:

Viaggio tra i coltivatori del caffè in Etiopia. La denuncia delle drammatiche condizioni dei
lavoratori e dei profitti sempre maggiori delle multinazionali.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Black Gold

Mentre le multinazionali studiano l’immagine più efficace per modificare stili di vita ed aumentare i profitti, il prezzo del caffè crolla e le comunità africane, che basano la loro sussistenza su questa produzione, rischiano l’estinzione.

In difesa dei piccoli produttori nascono Unioni che raccolgono circa un centinaio di comunità. L’obiettivo è ridurre di qualche anello la lunga catena che porta il caffè dalle mani del coltivatore a quelle del consumatore. A remare contro, le multinazionali che nelle sale della borsa newyorkese impongono il prezzo, lontano dai campi faticosamente lavorati da chi, con il caffè, fabbrica scuole e sfama popolazioni. Kraft, Nestlè, Procter & Gamble e Sara Lee le quattro maggiori compagnie; nessuna di loro ha accettato l’invito dei registi Nick e Marc Francis ad un libero confronto.

Nello specifico, il documentario segue la vita del rappresentante di una Unione di produttori etiopi, diviso tra i numerosi viaggi alla ricerca di compratori equi e le riunioni con i contadini per distribuire gli incrementi e discutere il da farsi. 0,020 dollari il prezzo pagato ai produttori per un chilo di caffè, oltre due dollari una tazza alla Starbucks. Con i suoi altissimi profitti il caffè si aggiudica il secondo posto fra le merci più commercializzate al mondo, guadagnandosi così l’appellativo di un’omonima merce di scambio altrettanto strumentalizzata: oro nero. Fra le aziende italiane che non seguono l’andamento del prezzo di New York, ma badano alla qualità, il documentario presenta Illy Caffè, nella cui fabbrica, però, il primo lavoratore, dopo tante macchine, è quello che chiude le porte ai carichi in partenza.

Un trattamento differente ci si aspetterebbe dal WTO ('Organizzazione Mondiale del Commercio) ed invece nel 2004, a Cancun, il terzo mondo è stato completamente ignorato: oltre 600 delegati a rappresentare l’Europa contro delegazioni africane di 3 membri ciascuna. Da questo punto di vista il documentario è molto chiaro, la volontà dell’occidente è continuare a mantenere l’Africa un sistema basato sugli aiuti umanitari, quando al continente nero basterebbe una crescita dell’1% per ottenere cinque volte ciò che dagli aiuti arriva in un anno.
“Il pericolo maggiore per noi è che i nostri figli stanno imparando a chiedere l’elemosina e questo non è un bene per il nostro futuro”.

(Valentina Vivarelli)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito

Regia

 

Marc Francis / Nick Francis

Sceneggiatura

 

Marc Francis / Nick Francis

Fotografia:

 

Marc Francis / Nick Francis

Colonna Sonora

 

Andreas Kapsalis

Produzione:

 

Speak-it Films

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................