La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

American Vertigo

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Extra

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




06/10/2006
Sabato 21 ottobre

..............................

American Vertigo

(American Vertigo)

Film del: 2006     Genere: Documentario
Durata: 100 minuti   



Trama:

Dalla New York post 11 settembre al carcere di Guantanamo, passando per la Route 66 e la New Orlenans devastata dall'uragano, il viaggio del filosofo francese, dichiaratamente "anti-americano", Bernard-Henri Lévy.



Vota il film!

Voto medio: 5,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: American Vertigo

Un documentario on the road sulle strade di un’America colpita al cuore, un’America che, come dice lo stesso Bernard-Henri Lévy, suscita “la nuova religione del modo contemporaneo, l’antiamericanismo”. Per il filosofo francese, che ripercorre lo stesso viaggio compiuto nel secolo scorso da Alexis de Tocqueville, questo documentario dovrebbe contribuire ad abbattere questo sentimento così diffuso, pericoloso ed inutile.

Ecco che quindi si passa dalla caotica New York alla luccicante Las Vegas, da paesaggi bellissimi a città tristi con l’intento di mostrare il “vero volto dell’America”. Quel volto spesso celato, che non riesce a venir fuori, che non riesce ad essere associato agli Stati Uniti.
Quel volto che ha alla base non il belletto del potere e della voglia di supremazia, ma i sentimenti che ispirano riflessioni sul tanto diffuso associazionismo e sulla continua ricerca di un sentimento comune che nel 1835 furono trasposti in “La democrazia in America” di Tocqueville.

In realtà il viaggio non convince molto. Non si dà grande risalto ai sentimenti più buoni e puri dell’America. Forse nel libro questa voglia di ridefinire geograficamente e politicamente quella che oggi è percepita più come un concetto, una matrice di passioni e di fobie piuttosto che come una nazione, riaffiora meglio che non nella pellicola.
L’opera firmata dall’esordiente Michko Netchak non riesce, nonostante le belle inquadrature, le musiche accattivanti e la splendida fotografia, ad annientare quel fastidio che si prova ripensando ad una potenza mondiale arrogante e con molta voglia di rivalsa.

(Teresa Lavanga)



Cast

    Bernard-Henri Lévy
(58 anni circa in questo film)

... se stesso

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia

Regia

 

Michko Netchak

Sceneggiatura

 

Gilles Hertzog / Bernard-Henri Lévy

Colonna Sonora

 

Aleksandar Habic

Produzione:

 

Les Films du Lendemain





..............................

scrivi la tua opinione

..............................