La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Le Voyage en Arménie - Armenia

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Competizione

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




03/10/2006
Venerdì 13 ottobre


04/10/2006
Sabato 14 ottobre


05/10/2006
Martedì 17 ottobre


05/10/2006
Lunedì 16 ottobre


05/10/2006
Giovedì 19 ottobre


13/10/2006
Intervista con Guediguian: “Sono contro il negazionismo; è la realtà a imporre la legge, non viceversa”


21/10/2006
I Vincitori di Roma

..............................

Le Voyage en Arménie - Armenia

(Le voyage en Arménie)

Film del: 2006     Genere: Drammatico
Durata: 125 minuti   



Trama:

Scoprendosi gravemente malato, Barsam sogna di tornare nella terra natia, l’Armenia, con il desiderio di lasciare qualche insegnamento in eredità alla figlia Anna.



Vota il film!

Voto medio: 8,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Le Voyage en Arménie - Armenia

“Va da tuo padre e parlagli. Digli che è uno stronzo, se è quello che vuoi, ma vai a incontrarlo ancora una volta”.
A partire da questo perentorio invito, Anna, un cardiochirurgo affermato, va alla ricerca dell’anziano papà, natìo dell’Armenia, che è ripartito per la propria terra d’origine dopo aver saputo che una salute cagionevole lo avrebbe portato ben presto alla morte.
La partenza, il viaggio, la ricerca. Questo il tessuto narrativo che costruisce Guediguian, ingegnoso regista che passa senza soluzione di continuità, dalla descrizione di uno dei più grandi statisti francesi, ne Le passeggiate al Campo di Marte, al racconto di una delle più solide minoranze della terra transalpina, quella armena, di cui fa parte.
Ci tiene il franco-armeno a sottolineare che oltre a un motivo di ricerca identitaria, a muoverlo nel mettere in cantiere una storia del genere è stato l’accorgersi, durante il suo primo viaggio in Armenia nel 2000, di essere popolarissimo, una sorta di ambasciatore del popolo armeno all’estero. “E’ un film fatto su commissione. Sulla commissione di tutti gli armeni”.
Inevitabile dunque, che al tema del viaggio si saldi profondamente quello della ricerca delle proprie radici, dell’appartenenza a una terra la cui storia è segnata profondamente da diaspore, stermini e privazioni di terre e di case.
Guediguian ci dà un quadro di un Paese che, pur essendo radicato in un passato che ormai sembra remoto, è percorso da moti riformatori che tendono all’occidentalizzazione della società.
E così alla vecchietta che spazza le scale della chiesa, fa da contraltare il fuoristrada con corredo di bodyguards, al vecchio militare con le mostrine sulla giacca, si contrappongono le innumerevoli insegne della Coca Cola o della Cnn.
E’ in questo contesto, dominato visivamente e psicologicamente dal monte Ararat, vero e proprio simbolo dell’irredentismo di un paese, che Anna, fino ad allora convinta di non avere nulla a che spartire con quella terra, riscopre una sorprendente appartenenza innata ad un popolo che sente profondamente suo, ad una terra nella quale “(le) sembra di esserci stata tanto tempo fa, in un’altra vita forse”.
La tensione vibrante che si annida al di sotto di quel che in apparenza viene mostrato, il sentimento di redenzione di una terra martoriata dalla storia, portano il regista a qualche disomogeneità lungo tutto il corso della narrazione, rendendo così molte delle scene irrisolte, sospese, o (peggio) dando l’impressione che siano fini a sé stesse, imprigionate nella ridondanza di parole, di metafore, di spiegazioni di una condizione che traspare comunque di suo dalla forza del racconto.
Il poliedrico Guediguian fa, nel bene o nel male, discutere, con un film che risulterà sicuramente scomodo in un periodo in cui la negazione del genocidio armeno e l’ingresso della Turchia nell’unione europea sono al centro del dibattito politico.

(Pietro Salvatori)



Cast

Ariane Ascaride   Ariane Ascaride
(52 anni circa in questo film)

... Anna

    Gerard Meylan

... Yervanth

    Chorik Grigorian

... Schak

    Roman Avinian

... Manouk

Simon Abkarian   Simon Abkarian
(44 anni circa in questo film)

... Sarkis

    Serge Avedikian
(51 anni circa in questo film)

... Vanig

    Kristina Hovakimian

... Gayan

    Madeleine Guédiguian

... Jeannette

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia

Regia

 

Robert Guédiguian

Sceneggiatura

 

Robert Guédiguian / Marie Desplechin / Ariane Ascaride

Fotografia:

 

Pierre Milon

Colonna Sonora

 

Arto Tunçboyacýyan

Produzione:

 

Agat Films & Cie

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................