La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Playing the Victim

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Competizione

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




06/10/2006
Venerdì 20 ottobre


21/10/2006
I Vincitori di Roma
20/10/2006
Playing the Victim, film russo che è piaciuto sia al popolo che agli oligarchi


Playing the Victim 22/10/2006
Cinema o teatro: this is the question

..............................

Playing the Victim

(Izobrajaya Zhertvy)

Film del: 2006     Genere: Drammatico
Durata: 95 minuti   Uscito al cinema il: 05/12/2009   



Trama:

Valya è uno studente che si ingegna a guadagnare interpretando il ruolo della vittima nelle
ricostruzioni degli omicidi da parte della polizia.



Vota il film!

Voto medio: 7,25

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Playing the Victim

Il sito ufficiale della Festa del Cinema di Roma, nella quale è stato presentato in concorso, recita testualmente: “Il film è un adattamento moderno dell''Amleto' di Shakespeare in chiave dark”.
In realtà in Playing the victim non sono evidenti nessuno di questi due aspetti: la trasposizione della tragedia classica, se c'è, è quantomeno forzata, l'aspetto dark, seppur presente, non predomina sugli altri.

La firma del regista basta ad incuriosire sul film. Serebrennikov è infatti uno dei più famosi e influenti registi teatrali russi. Tra le sue opere di teatro, si ricorda, per esempio, una “Giovanna d'Arco” con Fanny Ardant. Mescolando sinossi e autore, una trasposizione dell'Amleto in questi termini porterebbe ad essere ben disposti nei confronti della pellicola.
Il film è una strana e variopinta mescolanza di generi. Si apre, infatti, descrivendo una sequenza attraverso l'occhio di una videocamera amatoriale, lasciando volutamente agli angoli degli schermi i vari indicatori di tempo della cassetta, livello della batteria e quant'altro. Il film va avanti per tutto il corso della sua durata alternando sequenze girate in pellicola con altre filmate dall'apparecchio casalingo. Per di più sono numerosi gli inserti d'animazione, che tentano di raccordare la vicenda palesata sullo schermo con l'evoluzione psicologica del protagonista.

Il risultato, di per sé, non è pessimo, ma non è assolutamente funzionale allo svolgimento del film. Il punto debole è una evidente disomogeneità della sceneggiatura. Alcune sequenze che occupano un ampio spazio nel corso della vicenda sembrano non avere stretti legami con l'intento narrativo. Stiamo parlando della lunga scena della masturbazione, che viene anche fotografata diversamente dal resto del film, come anche una lunghissima parte ambientata in un ristorante giapponese, che non si capisce dove voglia andare a parare. Anche la risoluzione della storia, il (drammatico) scioglimento finale, non è sostenuto adeguatamente dal resto della trama.
Peccato perché lo spunto di partenza, raccontare di un ragazzo in cui il lavoro è quello di sostituirsi alle vittime nelle ricostruzioni delle scene del crimine fatte dalla polizia, e il registro scanzonato e divertito con cui vengono affrontate, componevano un buon mix, che non viene assolutamente sfruttato in modo adeguato.

(Pietro Salvatori)



Cast

Anna Mikhalkova   Anna Mikhalkova

... Lyuda

    Vitaly Khaev

... Capitano

Yuri Chursin   Yuri Chursin

... Valya

Dati Tecnici

Nazione

 

Russia

Regia

 

Kirill Serebrennikov

Sceneggiatura

 

Presnyakov Brothers

Fotografia:

 

Sergey Mokrizky

Colonna Sonora

 

Alexandr Manotskov

Produzione:

 

New People

Distribuzione:

 

Iguana Film

Playing the Victim

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................