La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Chand Rooz Ba'd... - A Few Days Later...

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Competizione

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




05/10/2006
Mercoledì 18 ottobre


05/10/2006
Giovedì 19 ottobre


06/10/2006
Venerdì 20 ottobre


18/10/2006
L'assurdo Iran: parla la regista Niki Karimi

..............................

Chand Rooz Ba'd... - A Few Days Later...

(Chand Rooz Ba'd...)

Film del: 2006     Genere: Drammatico
Durata: 78 minuti   



Trama:

Shahrzad, una donna iraniana di 34 anni, è una designer di successo che deve prendere una
decisione sul proprio futuro sentimentale.



Vota il film!

Voto medio: 7,30

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Chand Rooz Ba'd... - A Few Days Later...

Niki Karimi, giovane regista nonché protagonista di A few days later…, opera seconda presentata in concorso durante la prima Festa del Cinema di Roma, ha uno sponsor importante. E' stata infatti per un lungo periodo assistente alla regia di Kiarostami.
Nonostante questa onorevole, ma anche onerosa, gavetta, la Karimi riesce a sviluppare una sua etica e una sua poetica del e nel cinema, tracciando nel suo lavoro sferzante e diretto - dura appena '78 minuti - un quadro preciso e provocatorio della condizione umana del popolo iraniano di oggi.

Utilizza la figura di una grafica di carriera, mettendo in chiaro fin dalle prime battute che tratterà di uno spicchio di Iran che è quello più moderno, più progressista, e per questo più isolato dal resto della società, estraniato in una terra che, per molti versi, respinge ciò che non è “tradizione”.
- Il tenere o no il bambino è una tua scelta.
- Non siamo mica in un paese occidentale!.
Questo lo scambio di battute che riassume tutto il sottotesto del film.

Karimi lavora per sottrazione, descrivendo la difficile situazione della protagonista, che lei stessa sceglie di interpretare, attraverso ciò che non c'è. Il contatto (mancato) con il proprio uomo, che si intravede per un istante verso la fine del film, ma che è presente ossessivamente nella segreteria telefonica della giovane grafica, è il motore di tutta la dinamica della storia.
Non c'è, non si vede, eppure condiziona pesantemente l'ossatura del film, l'architettura narrativa di tutta la pellicola. Il cuore pulsante di quel che alla protagonista sta a cuore è raccontato attraverso il suo “lato pubblico”, il suo lavoro, e le difficoltà di rapportarsi con i colleghi, in special modo con le figure maschili.

La regista parla così, che ha afferma che un titolo altrettanto efficace per il suo film sarebbe tranquillamente potuto essere “Distanze”, di una storia di incomunicabilità, di disagio interiore, senza drammatizzazioni o patetismi, riuscendo in più a tenere desta l'attenzione, non scivolando mai in momenti di stanca. Ma d'altra parte la storia stessa è metafora più ampia di quel che è oggi la realtà iraniana, che tende sempre più ad isolare chi non si allinea con la vulgata governativa.

(Pietro Salvatori)



Cast

    Alireza Anoushfar

... Reza

Ehsan Amani   Ehsan Amani

... Mr. Tabesh

    Hessam Nourani

... Mahmoud

Niki Karimi   Niki Karimi
(35 anni circa in questo film)

... Shahrzad

Niloufar Khoshkholgh   Niloufar Khoshkholgh

... Ghazaleh

Dati Tecnici

Nazione

 

Iran

Regia

 

Niki Karimi

Produzione:

 

Aftab Negaran Productions

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................