La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Black Book

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2006
Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




01/02/2007
Il libro nero della resistenza

..............................

Black Book

(Zwartboek)

Film del: 2006     Genere: Drammatico / Guerra / Thriller
Durata: 135 minuti   Uscito al cinema il: 02/02/2007   


Intorno alla protagonista crescono, rinascono e muoino personaggi ambigui, dissoluti, egoisti, impacciati, a volte dignitosi, molto più spesso animaleschi, torbidi, violenti e senza alcuna moralità.


Trama:

La bellissima ed esuberante soubrette - ebrea - del varietà Rachel Steinn, fugge dalla Germania nazista per rifugiarsi in Olanda. Grazie all'aiuto di esponenti della resistenza capeggiati da Kuipers Rachel riesce tra mille peripezie a sfuggire a un eccidio che coinvolge la sua stessa famiglia, massacrata sotto i suoi occhi dai soldati nazisti del comandante Franken. Per vendicarsi di chi, tradendo, ha favorito la carneficina, Rachel assume una nuova identità che le consente di infiltrarsi tra gli alti ufficiali tedeschi nei panni di una seducentissima e impudente spia capace di superare tutti i check point.



Vota il film!

Voto medio: 7,10

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Black Book

La seconda guerra mondiale fornisce l’ennesimo spunto per valutare l’evoluzione dell’uomo e la sua difficoltà di prendere le distanze dalla bestia. L’ambiguità, la mancanza di moralità accompagnano il crollo di qualsiasi regime. La democrazia stenta ad imporre i suoi valori e invece di progredire, l’uomo non fa che ribadire ululando la sua belluina ferocia.

Paul Verhoeven torna dagli Stati Uniti per girare un film senza effetti speciali, che indaghi le ragioni del cuore e gli impedimenti causati dal fluire del denaro. Al centro della vicenda il denaro degli ebrei in fuga, l’avidità dei tedeschi e la meschinità di chiunque faccia affari con i nazisti per salvarsi la pelle o per arricchirsi a danno dei connazionali. Eroina assoluta la cantante ebrea Rachell Steinn, interpretata da una Carice van Houten libera e splendida, capace di convincere il pubblico anche nelle scelte meno convincenti, nelle passioni più improbabili, negli amori più discutibili. Con leggiadria fugge la morte senza mai rifiutare il suo sostegno, mettendo in gioco anima e corpo aspettando di poter finalmente piangere sull’infame destino di familiari e conoscenti.

Intorno alla protagonista crescono, rinascono e muoino personaggi ambigui, dissoluti, egoisti, impacciati, a volte dignitosi, molto più spesso animaleschi, torbidi, violenti e senza alcuna moralità. E’ ebrea, dunque vittima, sicuramente perseguitata, ma salva fin dalle prime immagini che la ritraggono maestra felice in un villaggio israeliano. La trama si infittisce, i tradimenti anticipano i morti e viceversa. L’impero nazista è agli sgoccioli e l’irriverente ballo del potere è tanto più drammatico quanto più i protagonisti mostrano la loro consapevolezza della fine. I soldi passano da una mano all’altra come un testimone che indica i partecipanti alla staffetta dell’orrore. Il flusso di denaro è l’unico filo conduttore per individuare i carnefici e scagionare le vitime. La fine della guerra segna l’inizio di un interminabile processo che dovrebbe chiarire le cause, individuare i responsabili, punire i colpevoli. In realtà, come sempre, pochi capri espiatori pagano i delitti di molti, mentre coloro che hanno fiuto riescono a saltare da una zattera alla deriva al carro dei vincitori.

Verhoeven intreccia storie minori creando personaggi assolutamente rappresentativi. Si ispira a fatti realmente accaduti dando più forza all’intreccio senza mai perdere di vista la credibilità degli eventi. Le assurde reazioni al crollo del potere nazista risultano plausibili alla fine di un percorso portato avanti con coraggio, equilibrio, ironia e genuino coinvolgimento emotivo.

(Andrea Monti)



Cast

Carice van Houten   Carice van Houten
(30 anni circa in questo film)

... Rachel Steinn / Ellis van de Vries

Thom Hoffman   Thom Hoffman
(49 anni circa in questo film)

... Hans Akkermans

Halina Reijn   Halina Reijn
(31 anni circa in questo film)

... Ronnie

Sebastian Koch   Sebastian Koch
(44 anni circa in questo film)

... capitano Ludiwg M?ntze

    Derek de Lint
(56 anni circa in questo film)

... Gerben Kuipers

    Christian Berkel
(49 anni circa in questo film)

... generale K?utner

Dati Tecnici

Nazione

 

Olanda / Regno Unito / Germania

Regia

 

Paul Verhoeven

Sceneggiatura

 

Paul Verhoeven / Gerard Soeteman

Fotografia:

 

Karl Walter Lindenlaub

Colonna Sonora

 

Anne Dudley

Produzione:

 

Fu Works / Hector BV / Motel Films / Motion Investment Group / VIP 4 Medienfonds

Distribuzione:

 

DNC Entertainment

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................