La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Paprika

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2006
Concorso

..............................



Paprika

(Paprika)

Film del: 2006     Genere: Animazione / Fantascienza / Thriller
Durata: 90 minuti   Uscito al cinema il: 15/06/2007   



Trama:

La nascita del macchinario DC-Mini, che permette di entrare nei sofni delle persone a scopo terapeutico, diventa un incubo quando un maniaco se ne impadronisce per uccidere.



Vota il film!

Voto medio: 5,80

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Paprika

Dopo Tokyo Godfather Satoshi Kon torna in sala con un nuovo lungometraggio animato, puntando decisamente più in alto, ma non per questo riuscendo a raggiungere lo splendore di alcuni tra gli astri più luminosi dell’animazione nipponica come Miyazaki o Otomo.
In effetti è proprio a quest’ultimo, ed al suo Akira, che sembra ispirarsi Paprika, soprattutto sul piano estetico, anche se l’influenza narrativa maggiore è quella del Masamune Shirow di Ghost in the Shell pur mancando, qui, la forte carica innovativa di queste opere.

Il plot, che scende a scavare profondamente nell’inconscio umano, grazie ad un serial killer “dei sogni”, un uomo in grado di uccidere durante quei momenti tradizionalmente legati al relax (concetto non certo nuovissimo visti i sette capitoli di Nightmare), è leggermente frastornante con un continuo spostamento dell’attenzione tra piano onirico e realtà in una continua fusione, che coinvolge e sconvolge gli stessi personaggi, ed in cui spesso risulta difficile capire dove effettivamente ci troviamo, tanto più che i rimandi culturali sono di quelli profondamente radicati nella cultura più tradizionale del Sol Levante.
Purtroppo alla fine la nota predominante diventa così la noia.

Nonostante tutto resta apprezzabile l’impianto grafico dell’opera, che oltre ad avere un’animazione molto fluida, può vantare una ricercatezza di particolari ed una cura dei dettagli - soprattutto nella parte onirica – che sfiorano il maniacale. L’affollamento di personaggi, balocchi, scenografie e quant’altro che caratterizza molte delle scene ricorda più un fumetto occidentale che un’anime, ed è forse la cosa migliore del film.

(Valerio Salvi)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

Giappone

Regia

 

Satoshi Kon

Sceneggiatura

 

Satoshi Kon

Produzione:

 

Mad House

Distribuzione:

 

Sony Pictures

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................