La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

The Queen

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2006
Concorso

..............................



..............................
PREMI


oscar
Oscar 2007

Helen Mirren   miglior attrice

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




02/09/2006
Spazio ai grandi maestri d'Europa


19/09/2006
All'arrembaggio del botteghino

..............................

The Queen

(The Queen)

Film del: 2006     Genere: Biografico / Drammatico / Storico
Durata: 97 minuti   Uscito al cinema il: 15/09/2006   


“Vorrei provare un giorno la gioia di essere parziale”.


Trama:

La settimana succesiva la morte di Lady Diana. L'imbarazzante indifferenza della real casa ed i tentativi del primo ministro Blair di convincere la regina ad onorare l'ex nuora.



Vota il film!

Voto medio: 7,25

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: The Queen

“Vorrei provare un giorno la gioia di essere parziale”.
Sono queste le parole pronunciate da Elisabetta II, alla quale presta la faccia, ingentilita da un trucco magistrale, la spigolosa Helen Mirren, imbolsita da un corpo goffo e fragile che poggia su grossi polpacci ambulanti su impietosi piedi a papera.
La gioia di essere parziale, ossia di provare l’ebbrezza, anche per un solo secondo, là chiusa nel segreto dell’urna elettorale, di esprimere un parere, di apporre una crocetta sulla anonima scheda che vale come obliterazione di tutto ciò che è forma, protocollo, irrinunciabile dovere istituzionale.

Siamo alla vigilia della tragica scomparsa di Lady Diana, un giovane Tony Blair ha appena riportato i laburisti al governo dopo diciotto anni di grigia signoria dei Conservatori, e la regina esprime questo suo desiderio al suo fido segretario personale, così come una bambina che ha voglia di pane e marmellata che una rigida governante invece le nega. L’incidente mortale della mai troppo amata ex nuora sta per mettere alla prova la monarchia dei Windsor che dura da ormai più di mille anni.

Stephen Frears gira con l’eleganza e il brio che gli è consueto la storia dei sette giorni che seguirono la morte della “Principessa del popolo” come l’ebbe a definire Tony Blair il giorno dopo la scomparsa. Già, Tony Blair, proprio lui, che nei discorsi elettorali osava usare parole impegnative come “rivoluzione”, verrà in aiuto della regina la cui popolarità mai era scesa così in basso a causa della sua ostinazione a non voler ritornare a Londra a rendere il doveroso omaggio alla Principessa scomparsa.

Un personaggio, quello di Elisabetta, davvero dalla grandezza da tragedia greca. Compresso tra il dovere di Stato, inculcatoLe fin da bambina, che la rende fredda e inaccessibile come basalto, ed una inesplicabile volontà di liberarsi da questa montagna che la opprime, lotta tra inconscio e pubblica ragione uscendone – alla fine – a testa alta, con una dignità che ha poco di umano. Gigante contornato da un popolo di nani, il figlio Carlo preoccupato che qualche popolano inferocito gli tiri una schioppettata alla schiena, il marito incapace di leggere la moglie tanto perso nelle sue convenzioni di nobile di campagna, il suo primo Ministro (l’attore Michael Sheen, sorprendentemente somigliante) preoccupato di salvare l’Istituzione e con lei sé stesso. E’ proprio il caso di dirlo, più realista del re.

Helen Mirren è autrice di una prova maiuscola ma che non sarebbe stata tale senza l’arguzia di una sceneggiatura intelligente alla quale si asseconda la direzione di Frears. Tratteggia impietosi quadretti famigliari durante i quali la real casa sembra assediata dalle notizie che da un piccolo televisore apprendono con un certo fastidio (“siamo accerchiati come gli inglesi dagli Zulù in un film che vidi anni fa’” commenta il Principe consorte –James Cromwell, perfetto nel ruolo-), disegna la borghese famiglia di Tony –come ama farsi chiamare - Blair alle ricerca di una cravatta nera da cerimonia mentre la sua nutrita famiglia gli gironzola attorno, gira un scena ispirata durante la quale lei, la regina dal cuore di marmo, si commuove davanti ad un maestoso cervo che presto sarà preda dei cacciatori.

Con quell’animale, isolati nella brughiera, la regina, finalmente, sembra provare la gioia di essere normale, libera di piangere, libera di essere donna, madre, nonnna.

(Daniele Sesti)



Curiosità:

Durante la scena in cui la Mirren attraversa il fiume con il Land Rover, la macchina è restata effettivamente in panne e l'attrice è stata recuperata con una scavatrice per non farla bagnare.



Cast

Helen Mirren   Helen Mirren
(61 anni circa in questo film)

... Regina Elisabetta II

Michael Sheen   Michael Sheen
(37 anni circa in questo film)

... Tony Blair

James Cromwell   James Cromwell
(66 anni circa in questo film)

... Principe Philip

Sylvia Syms   Sylvia Syms
(72 anni circa in questo film)

... la Regina Madre

    Paul Barrett

... Trevor Rhys Jones

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito / Francia / Italia

Regia

 

Stephen Frears

Sceneggiatura

 

Peter Morgan

Fotografia:

 

Affonso Beato

Colonna Sonora

 

Alexandre Desplat

Produzione:

 

Pathé Pictures / Scott Rudin Productions

Distribuzione:

 

Bim

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................