La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

I Figli degli Uomini

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2006
Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




03/09/2006
I bambini di Cuaròn


04/09/2006
Fede e speranza, per Cuaròn sono il futuro dell'umanità


15/11/2006
I Figli degli Uomini


21/11/2006
Box office Super


29/11/2006
Siamo tutti figli degli uomini

..............................

I Figli degli Uomini

(Children of Men)

Film del: 2006     Genere: Avventura / Drammatico / Fantascienza / Thriller
Durata: 114 minuti   Uscito al cinema il: 17/11/2006   


La visione cuaroniana della novella Madonna di colore e del figlio salvatore del mondo trasuda fin troppo cristianesimo, ma bisogna riconoscergli che non tenta in alcun modo di nascondere la mano che ha lanciato il sasso


Trama:

Un mondo ormai sterile è preda della violenza e delle guerre fra sette nazionalistiche. Il disilluso burocrate Theo diventa l'improbabile difensore della sopravvivenza della Terra. Quando l'ultima speranza del pianeta viene minacciata, questo riluttante eroe si trova costretto ad affrontare i suoi demoni personali e a difendere il pianeta dalla catastrofe incombente.



Vota il film!

Voto medio: 7,18

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: I Figli degli Uomini

Il Cuaron “padre”, dopo essersi cimentato in una pellicola per il figlio (Harry Potter), punta decisamente più in alto ed assume toni mistici.
Children of Men già dal nome non dà spazio a dubbi: per il cineasta messicano è tempo che il Figlio dell’Uomo torni tra noi per ricordarci che stiamo percorrendo una strada senza ritorno, ma soprattutto senza una meta se non quella dell’autodistruzione.
In un’ambientazione più futuribile che futuristica, l’umanità è sterile da più di 20 anni e la conseguenza più evidente, oltre una depressione dilagante, è l’acuirsi dello spirito belligerante dell’uomo che nelle crisi – come al solito – si spinge più verso il nichilismo che in una direzione di costruttiva solidarietà.

Vestendo i panni del “dogma”, Cuaron imbraccia la cinepresa a mano, quasi fosse un reporter della CNN e ci scaraventa brutalmente all’interno di un conflitto razziale dove non ci sono né vincitori, né vinti, ma soltanto una selva senza fine di morti, corpi martoriati e cadaveri bruciati.
Il campo profughi alla porte di Londra in cui si trovano i protagonisti, non è altro che una delle tante Beirut di oggi con le sue scene di ormai ordinaria follia. E nell’orrore generale la maestria del regista, in grado di girare un piano sequenza della battaglia di più di dieci minuti, passa quasi in secondo piano.

Cuaron sembra non avere alcuna remora a mostrarsi pronto a rischiare in prima persona pur di poter esprimere il suo pensiero, rischiando di essere accusato di essere sin troppo demagogo e bigotto.
La sua visione della novella Madonna di colore e del figlio salvatore del mondo trasuda fin troppo cristianesimo, ma bisogna riconoscergli che non tenta in alcun modo di nascondere la mano che ha lanciato il sasso, né di dare al tutto una veste patinata che ne celi i reali intenti.

Al di là di queste considerazioni su come venga portato il messaggio, speriamo comunque che sia recepito da tutti, perché quello che vediamo sullo schermo è ineluttabilmente reale, dalle bombe che esplodono nei caffè, agli ostaggi incappucciati in anonimi angoli di mondo fino ai gruppi estremisti convinti di possedere la pietra filosofale che ci salverà tutti.

Ma c’è dell’altro… un cast di veri talenti, che riescono ad esprimersi al top delle loro possibilità (ed alcuni di loro avevano probabilmente scordato, sepolti da facili filmetti, cosa avrebbero potuto dare) grazie allo spessore dei loro personaggi. Se il Syd di Peter Mullan risulta essere quasi incredibile nella sua grottesca essenza, è Jasper il cuore del film. Dentro Jasper c’è tutta la vitalità dell’uomo e la sua voglia di spingersi oltre, di scoprire di condividere, insomma ci sono quegli anni settanta da cui non riusciremo mai a staccarci, almeno finché non ne avremo di nuovi.

Goodbye ruby tuesday, è inutile restare aggrappati ad un’esistenza immota, se perdiamo i nostri sogni perderemo le nostra essenza… ed i Rolling Stones l’avevano capito trent’anni fa!

(Valerio Salvi)



Curiosità:

La vista dalla stanza del cugino di Theo con l'aerostato a forma di maiale e le due ciminiere, richiama la copertina del disco dei Pink Floyd "Animals".



Cast

Clive Owen   Clive Owen
(42 anni circa in questo film)

... Theodore Faron

Julianne Moore   Julianne Moore
(46 anni circa in questo film)

... Julian

Michael Caine   Michael Caine
(73 anni circa in questo film)

... Jasper

Chiwetel Ejiofor   Chiwetel Ejiofor
(32 anni circa in questo film)

... Luke

Claire-Hope Ashitey   Claire-Hope Ashitey

... Kee

Peter Mullan   Peter Mullan
(46 anni circa in questo film)

... Syd

Charlie Hunnam   Charlie Hunnam
(26 anni circa in questo film)

... Patric

Oana Pellea   Oana Pellea
(44 anni circa in questo film)

... Marichka

Dati Tecnici

Nazione

 

USA / Regno Unito

Regia

 

Alfonso Cuarón

Sceneggiatura

 

Alfonso Cuarón / P.D. James / David Arata / Hawk Ostby / Mark Fergus / Timothy J. Sexton

Fotografia:

 

Emmanuel Lubezki

Colonna Sonora

 

John Tavener

Produzione:

 

Universal Pictures / Strike Entertainment / Beacon Communications / Quietus Productions

Distribuzione:

 

UIP

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................
L'ULTIMA OPINIONE


Viva Michael Caine !

..............................

leggi le opinioni

..............................

scrivi la tua opinione

..............................