La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

When the Leeves Broke - A Requiem in Four Acts

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2006
Orizzonti

..............................



When the Leeves Broke - A Requiem in Four Acts

(When the Leeves Broke: A Requiem in Four Acts )

Film del: 2006     Genere: Documentario
Durata: 240 minuti   


Se la situazione attuale a New Orleans ? quella che si vede nelle immagini finali del suo magnifico documentario, ? evidente che dovranno passare diversi anni prima che lo possa considerare finito.


Trama:

Un documentario sulle devastazioni in America dell'uragano Katrina.



Vota il film!

Voto medio: 6,20

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: When the Leeves Broke - A Requiem in Four Acts

Spike Lee ha pi? volte dichiarato di considerare questo documentario, girato per la rete televisiva HBO e gi? trasmesso negli Stati Uniti, un lavoro incompleto. Se la situazione attuale a New Orleans ? quella che si vede nelle immagini finali del suo magnifico documentario, ? evidente che dovranno passare diversi anni prima che lo possa considerare finito. Diviso in quattro atti la lunga opera (255 minuti) del regista americano non ? solo un documento che testimonia quello che ? accaduto prima durante e dopo l?uragano, ma ? soprattutto uno spaccato delle contraddizioni che in questi anni agitano l?America e dell?approfondimento delle disuguaglianze sociali che sotto l?attuale amministrazione hanno raggiunto l?apice.

Lee mostra come in quei giorni non abbia funzionato nulla : dalla Protezione Civile locale che ha sottovalutato, unica in tutto il Paese insieme al Governo Federale, la forza dell?uragano, al balletto di competenze tra le varie autorit?, ai piccoli egoismi di politicanti mediocri, al ritardo con i quali sono arrivati i primi soccorsi. E poi la vera e propria deportazione subita da chi non era riuscito a lasciare la citt? in tempo, effettuata senza alcun criterio e che ha diviso, forse per sempre, famiglie intere.

Ma quello che emerge in maniera prepotente dal lungometraggio ? il ritorno della questione razziale: sono neri gli anziani che muoiono agli angoli delle strade, i bambini che piangono, gli uomini che imprecano, le donne che pregano, sono neri i protagonisti delle storie pi? toccanti, sono neri gli abitanti dei quartieri pi? poveri della citt? . E? una opera scioccante e commovente che parla di una citt? ferita a morte, di tradizioni culturali di diversa provenienza che rischiano l?estinzione. E? al tempo stesso una denuncia pesante nei confronti dell?amministrazione Bush, colpevole di aver ritardato i soccorsi per un deliberato pregiudizio razziale. Giustamente Lee rinuncia a qualsiasi sceneggiatura per dare spazio alle parole di chi era presente in quei giorni, miscelando le testimonianze con le immagini di repertorio.
In un documentario di oltre quattro ore per? ci piace ricordare due momenti di grande cinema : Terence Blanchard, grande trombettista di New Orleans , che suona un bellissimo pezzo tra le macerie e la ripresa di un funerale in stile Louisiana che punteggia tutto il quarto atto. Alla fine della proiezione, dopo oltre quattro ore, cinque minuti di meritati applausi per il regista, presente in sala con la famiglia.

(Salvatore Todaro)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Spike Lee

Sceneggiatura

 

Spike Lee

Produzione:

 

40 Acres & A Mule Filmworks / HBO

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................