La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Le Pressentiment

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2006
SIC

..............................



Le Pressentiment

(Le pressentiment)

Film del: 2006     Genere: Drammatico
Durata: 100 minuti   



Trama:

Charles Benestau si stacca dalla grande borghesia alla quale appartiene. Lascia la moglie, la famiglia e il suo lavoro d'avvocato e decide di vivere in un mondo solitario e anonimo di in un quartiere popolare di Parigi. Il suo desiderio di diventare un'altra persona gli fa scoprire nuove possibilità.



Vota il film!

Voto medio: 7,20

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Le Pressentiment

Attore feticcio del regista marsigliese Robert Guédiguian, in grado di passare con agilità e leggerezza dalla commedia al dramma, Jean Pierre Darroussin sceglie un romanzo del dimenticato scrittore francese Emmanuel Bove - rivelato al pubblico dell'amica e collega Colette - per passare finalmente dietro la macchina da presa.

Ci sono voluti dodici anni per decidere di affrontare il nuovo ruolo con la medesima dimestichezza e maestria che ha caratterizzato il suo lavoro di attore, e certamente la scelta di un testo intimista come quello di Bove ha in qualche modo reso più stimolante la sfida. L'opera del francese nato alla fine dell'800 e morto nel '45 ha infatti un sapore kafkiano e il suo eroe, che decide di lasciare la famiglia e i confortevoli agi del suo ceto per trovare nella solitudine ed isolamento la vera e unica essenza del destino dell'uomo, ha una tale e determinata inerzia da renderlo pericolosamente complesso.

Ma Darroussin trova la propria dimensione registica e attoriale proprio nella lentezza, nella riflessività destinata alla percezione più intima di sé, di quei pensieri e introspezioni che dovrebbero in parte renderci migliori ed aiutarci ad avanzare nel caotico ed incerto cammino della vita. Nei panni di Charles Benesteau, Darroussin si trasforma in una sorta di frate francescano capace di regalare i propri beni in cambio solo del sollievo materiale dei suoi assistiti. Da avvocato ricco e di successo a uomo qualunque che mette da parte la vita passata per una nuova dedicata all'inazione, alla osservazione, all'ascolto del resto del mondo, scoprendone la sofferenza e la pena in cui quotidianamente si dibatte solo per riuscire ad invecchiare. “Una vita da poveraccio” gli rimprovera la sorella, “Una vita normale” gli risponde lui: silenzio e solitudine per estrarsi dalla storia, personale, familiare o sociale essa sia. Il suo eroico passo nella bontà e nella gentilezza, elaborato attraverso una meditazione sentita come necessaria, si rivela un'alternativa vincente anche sulla misera spietatezza del sospetto.

La regia di Darroussin è scarna e lenta come la vita del suo protagonista: il ritmo che la scandisce può trovare il proprio simbolo nel passo pigro, quasi sospeso delle passeggiate senza meta di Benesteau, nella velocità indolente della sua bicicletta con cui attraversa una Parigi estiva ma non meno trafficata. Riesce a sostenere con giustezza il desiderio di estraneità del suo personaggio, trasformandolo in una sorta di pamphlet mai retorico contro le rivalità, in nome di un nuovo e moderno eremitaggio.

(Valeria Chiari)



Cast

Alain Libolt   Alain Libolt

... Edouard Benesteau

    Amandone Jannin

... Sabrina Jozic

Anne Canovas   Anne Canovas

... Alice Benesteau

Hippolyte Girardot   Hippolyte Girardot
(51 anni circa in questo film)

... Marc Benesteau

Jean-Pierre Darroussin   Jean-Pierre Darroussin
(53 anni circa in questo film)

... Charles Benesteau

    Laurence Roy

... Edith Benesteau

Nathalie Richard   Nathalie Richard

... Gabrielle Charmes-Aicquart

Valérie Stroh   Valérie Stroh
(48 anni circa in questo film)

... Isabelle Chevasse

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia

Regia

 

Jean-Pierre Darroussin

Sceneggiatura

 

Jean-Pierre Darroussin / Valérie Stroh

Fotografia:

 

Bernard Cavalié

Colonna Sonora

 

Albert Marcoeur

Produzione:

 

Agat Films & Cie, Bac Films, France 2 Cinιma

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................