La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Eragon

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




20/12/2006
'Questi non sono i droidi che stai cercando'... ooops, i draghi

..............................

Eragon

(Ergon)

Film del: 2006     Genere: Azione / Famiglia / Fantastico
Durata: 104 minuti   Uscito al cinema il: 22/12/2006   


Le battaglie sono abbastanza “pulite”, ma ai personaggi manca quel “quid” che li renderebbe indimenticabili.


Trama:

In un reame fantasy piegato sotto l’egida di un perfido tiranno, Algaesia, il giovane Eragon potrebbe essere l’ultimo cavaliere in grado di riportare la libertà.



Vota il film!

Voto medio: 5,64

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Eragon

Un film come questo richiede sicuramente un duplice approccio: da un lato l’analisi nuda e cruda del film, dall’altro un’osservazione sulla sua collocazione all’interno del filone fantasy.
Per quanto concerne il primo aspetto la “recluta” Stefen Fangmeier si comporta da perfetto scolaretto, calandosi nelle vesti di novello Peter Jackson – le scene di spostamento sembrano mutuate direttamente dalle Due Torri - ed utilizzando a piene mani gli effetti speciali necessari per rappresentare il mondo dei draghi.
Le battaglie sono abbastanza “pulite”, ma ai personaggi manca quel “quid” che li renderebbe indimenticabili, in questo Durza al di là di qualche tatuaggio e il classico “ghigno malefico”, rappresenta a pieno questa problematica.
I draghi, o meglio IL drago, sono realizzati in CGI molto bene anche se si è optato per uno stile più classico, con tanto di qualche piuma, rispetto a quello descritto nelle pagine del libro, dove l’aspetto è più simile ad una viverna con le ali membranose e squame serpentine.

Rispetto al libro di Paolini si è dovuto tagliare pesantemente per restare nei limiti di una durata “classica”, non volendo avventurarsi nel mondo delle pellicole monster sopra le due ore, per le quali è richiesto ben altro coinvolgimento. In questo sono state penalizzate alcune delle trovate più interessanti dello scrittore, come il lato oscuro della magia, o il rapporto tra Eragon e Arya.
Altra sorte, invece, per i numerosi scambi tra Eragon e il drago, spina dorsale del libro, che qui sono molto ridotti e soprattutto decisamente irritanti.
Sono invece presenti alcune delle cose più smaccatamente patinate a cominciare da molte pose plastiche dei protagonisti fino ad una spada (Zaroc) dall’aspetto giocattoloso che farà la fortuna degli addetti al merchandise.

Detto questo veniamo al secondo aspetto del film, ovvero la sua valenza all’interno del fantasy. Già la saga ideata da Paolini è piuttosto sempliciotta e banale (cosa che emerge più chiaramente dal secondo libro), ma qui è ridotta ad una sequela senza fine di rivisitazioni su tutte una di facile intuizione:
“La giovane e bionda speranza per il futuro – ignara delle sue vere origini – ha la possibilità di sconfiggere il malvagio imperatore (Palpatine), che ha preso il potere uccidendo tutti gli altri cavalieri a tradimento, grazie alla guida di un vecchio cavaliere (jedi) ormai ritiratosi (Obi-Wan). Dovrà unirsi alle forze ribelli (!), ma prima salvare la bella principessa (Leia) prigioniera del malvagio servitore dell’imperatore, dotato peraltro di oscuri poteri (Darth Vader). Nell’impresa l’anziano jedi muore e c’è anche il “passaggio della spada”, non laser ma magica, alla Nuova Speranza.”
Per chi non l’avesse ancora scoperto è Guerre Stellari.
Il tutto per non toccare il dolente tasto del nome dell’arcinemico: Galbatorix, che sembra mutuato direttamente da un fumetto di Goscynni e Uderzo (Asterix per intenderci).

In finale, un prodotto adatto ai più piccoli, ma non troppo, ancora liberi dalle mille influenze alle quali Christopher Paolini (furbescamente indicato dalla propaganda come il nuovo messia della letteratura fantasy) si è ispirato a piene mani. Al di sopra di un prodotto Hallmark, ma non certo un kolossal che resterà negli annali.

(Valerio Salvi)



Curiosità:

Il ruolo di Brom era stato offerto sia a Ian McKellen che a Patrick Stewart, ma hanno dovuto rifiutare perché gia coinvolti in X Men III.

L'autore Christopher Paolini voleva un piccolo cameo, ma non ha potuto farlo perché troppo preso dal tour promozionale europeo del suo libro.



Cast

Edward Speleers   Edward Speleers
(19 anni circa in questo film)

... Eragon

Jeremy Irons   Jeremy Irons
(58 anni circa in questo film)

... Brom

Robert Carlyle   Robert Carlyle
(45 anni circa in questo film)

... Durza

Garrett Hedlund   Garrett Hedlund
(22 anni circa in questo film)

... Murtagh

John Malkovich   John Malkovich
(53 anni circa in questo film)

... Galbatorix

Caroline Chikezie   Caroline Chikezie

... Nasuada

Djimon Hounsou   Djimon Hounsou
(42 anni circa in questo film)

... Ajihad

Christopher Egan   Christopher Egan
(22 anni circa in questo film)

... Roran

Alun Armstrong   Alun Armstrong
(60 anni circa in questo film)

... zio Garrow

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Stefen Fangmeier

Sceneggiatura

 

Christopher Paolini / Peter Buchman

Fotografia:

 

Hugh Johnson

Colonna Sonora

 

Patrick Doyle

Produzione:

 

20th Century Fox / Fox 2000 Pictures / Ingenious Film Partners

Distribuzione:

 

20th Century Fox

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................