La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Codice da Vinci

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................

..............................
SITO UFFICIALE 2
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




20/04/2006
Il Codice da Vinci: tanto rumore per nulla?


23/05/2006
Record per il Codice da Vinci


30/05/2006
Ancora Il Codice da Vinci al botteghino


06/06/2006
Box Office - Ancora il Codice


12/06/2006
Box Office: Week end poco proficuo


20/06/2006
Box office con poco smalto


27/06/2006
Box Office - Parodie allo sbaraglio

..............................

Il Codice da Vinci

(The Da Vinci Code)

Film del: 2006     Genere: Drammatico / Mistero / Thriller
Durata: 149 minuti   Uscito al cinema il: 19/05/2006   


In definitiva, guardando il film, è un peccato che il Codice sia stato prima un romanzo di grande successo.


Trama:

Il curatore del Louvre viene trovato morto vicino alla Gioconda di Leonardo da Vinci. Un messaggio indica Robert Langdon, uno studioso, come possibile colpevole...



Vota il film!

Voto medio: 5,55

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Codice da Vinci

Arriva nelle sale Il codice da Vinci. Vi arriva con tutto il suo carico di esoterismo da centro commerciale e, sia chiaro, non è un difetto. Non lo è perché il film funziona, intriga nella prima parte in cui i colpi di scena si susseguono a raffica nell’ambientazione seducente del Louvre notturno teatro di un omicidio dalle dinamiche misteriose. Poi la tensione si allenta, il ritmo cala nella seconda in cui devono sciogliersi i nodi della prima per poi chiudersi nel finale che svela la simbologia della piramide di vetro antistante il museo parigino (“Un chiodo nella fronte della città” afferma Jean Reno/Fache) dell’architetto cino-americano I.M. Pei e, contestualmente, il senso di tutta l’azione precedente.

Seguendo pedissequamente le tracce del libro di Dan Brown, Howard dà vita ad un film del più puro manierismo hollywoodiano: azione, mistero, un eroe divo e una bella eroina alle prese con una storia implausibile e poi al centro di tutto la decodificazione dei dipinti leonardeschi che, in definitiva, aggiungono quel ‘quantum’ di cultura che non guasta mai.

In definitiva, guardando il film, è un peccato che il Codice sia stato prima un romanzo di grande successo. Considerandone il modesto spessore letterario tra personaggi dalle psicologie appena abbozzate, un impianto thrilleristico approssimativo e le manipolazioni arbitrarie su storia e religione, si tratta di un’opera della quale si sarebbe potuto tranquillamente fare a meno. Del film invece no perché quel che non può la penna può la macchina da presa che porta l’occhio dello spettatore all’interno del diabolico cryptex, mostra le ferite che il fanatico Silas si infligge con l’autoflagellazione e con il cilicio e –soprattutto- mostra un ‘Professor Ian Mc Kellen’ magnetico anche quando non è negli X-Men ed il quale ha gioco sin troppo facile nell’obnubilare Tom Hanks, pur bravo a mantenere periferico –analogamente al libro- il personaggio di Robert Langdon.
Il problema dunque è tutto nelle aspettative.

Il Codice da Vinci non fa cultura, non rivela nulla che non si sappia già (e sulla ipotetica storia alternativa di Cristo già disse molto e meglio L’ultima tentazione di Cristo di Martin Scorsese), né scopre alcunché nel momento in cui concentra l’attenzione sui significati nascosti dell’iconografia cinquecentesca (di Leonardo e non solo. Chi conosce l’Hypnerotomachia Poliphili sa di cosa stiamo parlando). E le accuse di blasfemia da parte degli alti prelati vaticani sono degni di miglior causa.
Il Codice da Vinci ha indovinato quel registro in virtù del quale chiunque offra un’alternativa alla spiegazione dogmatica delle cose inevitabilmente raccoglie delle simpatie e suscita curiosità. Ecco, la curiosità di vedere è forse la moneta di scambio più alta che il cinema abbia mai offerto. E in questo senso il Codice da Vinci di Ron Howard non è una truffa.

(Antonio Valenzi)



Curiosità:

Per il ruolo dii Sophie Neveu è stata fatta un'audizione a Sophie Marceau, Audrey Tautou, Virginie Ledoyen, Judith Godrèche, and Linda Hardy.

L'Abbazia di Westminster ha rifiutato l'utilizzo della sua struttura perché non in linea con i princi espressi nel libro, è stata quindi utilizzata la Lincoln Cathedral.



FILM CORRELATI:

  • (2016) Inferno

  • (2009) Angeli e Demoni

  • Cast

    Tom Hanks   Tom Hanks
    (50 anni circa in questo film)

    ... Robert Langdon

    Audrey Tautou   Audrey Tautou
    (28 anni circa in questo film)

    ... Sophie Neveu

    Paul Bettany   Paul Bettany
    (35 anni circa in questo film)

    ... Silas

    Ian McKellen   Ian McKellen
    (67 anni circa in questo film)

    ... Sir Leigh Teabing

    Jean Reno   Jean Reno
    (58 anni circa in questo film)

    ... Bezu Fache

    Alfred Molina   Alfred Molina
    (53 anni circa in questo film)

    ... vescovo Aringarosa

    Dati Tecnici

    Nazione

     

    USA

    Regia

     

    Ron Howard

    Sceneggiatura

     

    Dan Brown

    Produzione:

     

    Columbia Pictures / Imagine Entertainment

    Distribuzione:

     

    Sony Pictures

    ...............................................
    GALLERIA FOTOGRAFICA
    ...............................................





    ..............................
    L'ULTIMA OPINIONE


    Colpa del libro

    ..............................

    leggi le opinioni

    ..............................

    scrivi la tua opinione

    ..............................